La soubrette argentina Belen Rodriguez ha passato una notte intera a casa di Berlusconi, ma non ha fatto sesso con il premier. Il motivo? Era la fidanzata di Marco Borriello, oggi alla Roma, ma all’epoca attaccante del Milan, ovvero la squadra del Cavaliere . Ciò che prima era solo un’indiscrezione, ora è confermato da un’intercettazione telefonica in cui il presidente del Consiglio confida a Gianpaolo Tarantini l’accaduto. E’ il 2 gennaio 2009, il premier riceve sul cellulare una chiamata dell’imprenditore barese, a cui dice: “Chiama a casa , è più comodo, posso parlare da un telefono sicuro”. Gianpi esegue e i due parlano della starlette sudamericana.

Berlusconi: “Belen come va?”

Tarantini: “Madonna che bella che è diventata”.

Berlusconi: “Ah…ah”.

Tarantini: “L’ho vista in grande forma”.

Berlusconi: “Sondala un po’ su di me”.

Tarantini: “Lo so, lo so, devo prenderla tranquilla un attimo… tanto stasera stiamo di nuovo a cena insieme”.

Berlusconi: “Benissimo! Dille che io ho sempre espresso degli apprezzamenti molto positivi su di lei come bellezza, naturalmente, ma anche come donna”.

Tarantini: “Ma lei non l’ha conosciuta mai di persona?”.

Berlusconi: “Chi Belen? Altro che”.

Tarantini: “Va bene, va bene”.

Berlusconi: “L’ho conosciuta, è stata da me una notte ma non abbiamo fatto l’amore perché ho scoperto che lei era la donna del mio calciatore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex-Falck, l’accusatore di Penati: al centro
del “sistema Sesto” c’è il sindaco Oldrini

prev
Articolo Successivo

Politica, impresa e cocaina
La ‘ndrangheta conquista Milano

next