Il Capo dello Stato è intervenuto nuovamente sulla crisi economica. Lo ha fatto questa mattina parlando da Bucarest, dove si trova in visita ufficiale, lanciando un nuovo monito: occorrono “comportamenti adeguati”, perché solo così, “sarà possibile riguadagnare la fiducia dei mercati” e aggiunge “esorto ognuno al senso di responsabilità nei propri compiti per far fronte al difficile momento che attraversa l’Italia”.

Salutando gli imprenditori italiani che operano in Romania il Presidente della Repubblica ha poi ammesso che “occorre una riflessione sulle scelte fatte negli anni ’70 e ’80” e che “probabilmente abbiamo sottovalutato che a un certo punto il debito pubblico accumulato in tanti anni potesse diventare un macigno e ostruisse la strada della piena partecipazione dell’Italia allo sviluppo europeo”.

Giorgio Napolitano ha aggiunto che “il mondo è radicalmente cambiato e in un certo senso tutto va rimesso in discussione”. Dunque il Paese si trova di fronte ad una “sfida molto difficile”, ed è necessario “fare una sincera autocritica”. C’è bisogno di unità “per fare fronte alle prove di queste settimane”, ma, per quanto queste siano difficili, sarebbe un errore farsi prendere da “abbagli, timori, psicosi e sbandamenti”.

Non solo un richiamo, ma anche un incoraggiamento è arrivato dal Presidente: “Siamo un grande Paese, abbiamo una grande economia, un eccellente dinamismo imprenditoriale, riserve straordinarie ed energie da far valere per guadagnare credito”, e ancora “non dobbiamo perdere posizioni, ma dobbiamo guadagnarne, il che richiede un grandissimo sforzo simile a quello che voi state compiendo qui in Romania”. Poi un auspicio: “Confido molto che le celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, avendo ravvivato il sentimento che lega tutti gli italiani al loro paese, alla loro lingua e alla loro cultura, contribuiscano a dare a ciascuno, nei suoi comportamenti, il senso delle proprie responsabilità e l’impulso indispensabile – conclude – affinché l’Italia possa superare le prove difficili che ha davanti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Lega e i fedelissimi scaricano Berlusconi
Pecorella: “Serve un nuovo governo”

prev
Articolo Successivo

Bersani, non pervenuto

next