Paolo Pozzessere, il direttore commerciale di Finmeccanica, si è dimesso. Il passo indietro è arrivato dopo il suo coinvolgimento nella inchiesta di Napoli sui ricatti a B., dove vengono ipotizzati episodi di corruzione da parte di esponenti della società nei confronti di rappresentanti dei governi esteri per potersi aggiudicare le gare. Il nome di Pozzessere compare in una serie di telefonate intercettate. In una del 17 maggio scorso tra la Castaneda e il direttore commerciale di Finmeccanica, si parla della “conclusione di un contratto del valore di 600 milioni per il quale sarebbe prevista una commissione pari al 5%, di cui l’1% destinato a Debbie Castaneda. Dal contenuto delle telefonate- si legge in una richiesta di proroga delle intercettazioni telefoniche – emerge che la persona che sta concludendo l’affare, di nome Alejandro (che in altri passaggi è citato anche con il cognome, Agag, ndr.), avrebbe tagliato fuori la donna la quale avrebbe così perso 6 milioni di euro”.

Il presunto ruolo del manager, inoltre, viene delineato in alcune intercettazioni di telefonate tra Silvio Berlusconi e il direttore ed editore de L’Avanti, Valter Lavitola. In quella del 13 luglio scorso, ad esempio, Lavitola dice al presidente del Consiglio che Pozzessere avrebbe scritto una nota sul senatore eletto in Argentina, Esteban Caselli. B. invece chiede a Lavitola di dire al manager di Finmeccanica di chiamarlo. A questo punto il direttore de L’Avanti chiede al telefono a Pozzessere di fare una verifica sulle “commissioni”, ma questi, scrivono i magistrati di Napoli, “lo interrompe, dicendo che secondo lui il conto in Bulgaria non va bene, in quanto dopo i casini che hanno avuto in Finmeccanica, hanno dato disposizioni che i consulenti possono essere pagati o sul luogo dove lavorano – in questo caso Panama – o dove c’è la sede legale”. I magistrati, di conseguenza, hanno avviato gli accertamenti bancari perché “appare già di per sé anomalo e inquietante che un giornalista come il Lavitola parli di “commissioni” da pagare estero su estero da Finmeccanica”.

Quelle riportate sono solo alcune delle telefonate che coinvolgono Pozzessere, il quale, proprio in virtù del polverone giudiziario, ha deciso di farsi da parte, “pur confermando la propria totale estraneità ai presunti fatti illeciti”. La decisione del manager è stata resa nota con una nota ufficiale di Finmeccanica, al fine di tutelare la reputazione della società “in relazione all’esposizione mediatica alla quale il Gruppo e la sua persona sono stati esposti negli ultimi tempi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Tarantini e “l’incubo” Ruby. Le memorie di Ghedini per salvare B. dalla deposizione

next
Articolo Successivo

Santa Manuela da Arcuri

next