Presenteranno ricorso al Consiglio di Stato i 25 bagni multati durante lo scorso sciopero per il rinnovo del contratto stagionale dei bagnini della Riviera. Alla vigilia di Ferragosto, i gestori (10 a Rimini nord e 15 a Riccione) hanno tenuto aperto l’esercizio durante la giornata, pur non potendo garantire una figura sostitutiva del marinaio di salvataggio, in aperta violazione delle normative regionali, ribadite dalla Regione stessa e dal Comune di Rimini in vista della protesta. Conseguentemente, i bagni si sono visti assegnare dalle rispettive capitanerie di porto una sanzione di ben 1.032 euro ciascuno, come riportato dal Corriere di Romagna.

“Noi a inizio stagione abbiamo stipulato un contratto con una cooperativa per il servizio di salvataggio, se oggi questo non è garantito la colpa non è nostra ma loro”, dichiarano i gestori. Un subappalto parrebbe, dunque, da cui ora ci si vorrebbe svincolare.

Un’altra decina di multe è stata distribuita invece dalla guardia costiera a “sostituti” marinai di salvataggio che, sempre a Rimini nord, sono stati trovati sulle torrette senza la “maglietta d’ordinanza” e le dotazioni obbligatorie.

Altra grave violazione, rilevata dagli stessi manifestanti: bandiera rossa issata su tutte le torrette. Dal bagno 57 fino a quella del 101, il corteo, con a capo Mauro Rossi, segretario provinciale di Filcams Cgil, ha osservato che anche laddove fosse presente il bagnino, era stata interdetta la balneazione. Un vero e proprio guanto di sfida a Comune e prefettura che solo 48 ore prima avevano ribadito che la bandiera rossa avrebbe dovuto sventolare solo in caso di mancanza assoluta di servizio. Cosa che avrebbe comportato, secondo le autorità competenti, la conseguente chiusura dello stabilimento. L’atto di coloro che ora vorrebbero presentarsi davanti al supremo tribunale amministrativo, è stato definito da Rossi la sfida “di Mussoni e dei suoi uomini”, in riferimento all’unica cooperativa, Oasi Confartigianato di cui Giorgio Mussoni è presidente, ad aver rifiutato l’adeguamento del contratti stagionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’esercito dei 3200 volontari ciellini. A Rimini loro spese

prev
Articolo Successivo

Accettato dal Tar il ricorso degli insegnanti esclusi dalla Scuola Europea di Parma

next