Datemi un paio di occhiali vintage e vi solleverò il mondo. A Bologna dal 22 al 24 luglio la prima edizione di We love vintage, meeting di mostre, musica e spettacoli rigorosamente d’annata.

“Non solo commercio, ma amore e rispetto per gli oggetti del passato che parlano di noi e della nostra storia”, raccontano gli organizzatori della kermesse Chiara Munari e Gianni Venturi, “il vintage è per noi anche riuso e riciclo, un modo di vivere e di essere, con radici profonde e ben piantate nella nostra cultura”.

Al motto di “ogni oggetto è per noi unico e merita una seconda chance di vita”, si avvicenderanno all’interno del centro polivalente United Sport/Due Madonne decine di storici venditori di materiale vintage: Officina Vintage di Firenze, Oggetti smarriti da Milano, Post post da Ravenna, Eclater da Milano, Happy Books da Modena.

Senza dimenticare Angelo Caroli curatore della mostra Fashion&Sound, viaggio itinerante alla scoperta delle tribù urbane del Novecento. Sempre a tema di musica, si passerà attraverso dieci “scatole nel tempo” (per citare Andy Warhol), presentate da abiti e accessori che in ciascun decennio hanno costruito l’evoluzione dello stile e dei suoi incroci. La storia del gusto viene esposta da un percorso che partendo dal Western anni trenta a suon di Country vede nascere il mito del bluejeans, arriva sino al Grunge statunitense di fine anni ottanta con il suo stile New-Hippie, le sue Converse, capelli lunghi e jeans, stavolta strappati. Non mancheranno l’eleganza ostentata dei Teddy boys, i Mods con Fred Perry e Lambretta, il truccatissimo New Wave di tulle e velluto nero e le “gestualità oscena” del Punk anni Settanta.

Ma We love vintage avrà anche una ricca sezione di musica live che avrà tra gli ospiti principali David Cross e Mel Collins, direttamente dai King Crimson e il britannico Richard Sinclair. Un programma all’insegna del rock progressive e di un tris di curiose presenze: Flaco Biondini direttamente dal palco di Francesco Guccini che suonerà venerdì 22 luglio assieme ai CCLR (Cavalli, Cocchi, Lanzetti e Roversi) e ad Aldo Tagliapietra che nel lontano 1966 assieme alle Orme aveva deliziato le platee con la sua voce in falsetto; infine, Paolo Schianchi, musicista, compositore, ricercatore e inventore di nuove ed ardite sonorità derivanti da una chitarra a diciotto corde.

Chi sarà a Bologna in questo weekend per We love vintage si troverà davanti anche una ricca mostra mercato di accessori d’epoca, librerie, storici vinili, oggettistica e mobili d’arredamento. E per chi si presenterà in via Carli 56 in rigoroso abito vintage potrà vincere un buono da spendere nella mostra di Angelo Caroli Fashion&Sound.

Ingresso a 5 euro per tutta la giornata, free-drink incluso, bimbi sotto i dodici anni da iniziare al vintage senza biglietto e una curiosa polemica inscenata tra Atc e gli organizzatori dell’evento. Quando il festival ha stampato i cartelloni e li ha avuti pronti da affiggere 6×3 sulle strade e più piccoli sulle fiancate dei bus, è stata proprio l’Atc a censurare il cartellone con una silhouette da sirenetta con fianchi e seni leggermente visibili. E’ rimasto un cuoricione drappato di bianco e attorniato di edera molto castigato ma assolutamente vintage.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non solo spiaggia: ecco laghi e fiumi
dove trascorrere una giornata d’estate

next
Articolo Successivo

Sulle spiagge di Cervia con I Vandali di Sergio Rizzo

next