I No Tav per una notte lasciano la Val di Susa e si riversano in massa a Torino, per una grande manifestazione, gli organizzatori parlano di 25mila presenti. Il movimento si sta riorganizzando dopo gli scontri di domenica e come sempre riparte dall’ormai celebre “a sarà dura”. I commenti dei manifestanti agli scontri di domenica scorsa sono univoci: “Le forze dell’ordine ci hanno attaccato, noi abbiamo il diritto di difenderci”, e un attivista racconta “prima che potessimo arrivare alle recinzioni ci hanno tirato i lacrimogeni da dietro le rocce, anche dall’elicottero”. Tanti gli slogan urlati contro Cota, Saitta (Presidente Provincia di Torino) e il neoeletto sindaco Fassino, tutti schierati a favore della Tav. Di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sgarbi e gli spettatori “drogati e spacciatori”

prev
Articolo Successivo

Milano, la fiaccolata per Michele Ferrulli

next