“L’anima più grande, il corpo più saldo, il grido più libero che abbia mai conosciuto in vita mia”. Quel grido è il sirtaki.

La famosa danza greca torna oggi in uno dei miti più resistenti dell’immaginario letterario e cinematografico del Novecento: il leggendario Zorba il greco.

Su Saturno di questa settimana, in edicola venerdì 8 luglio, Aldo Nove ci racconta questo mito moderno, racchiuso nella domanda che Zorba rivolge all’amico mentre balla il sirtaki: «Ma dove hai mai visto una catastrofe così bella?» Ecco una scena, da vedere a partire dal minuto 1.50:

Su Saturno troverete anche un’inchiesta di Antonio Armano sui Meridiani Mondadori, una polemica con i laici italiani della storica Lucia Ceci, due pagine dedicate ai romanzi d’amore da leggere quest’estate. Poi Antonio Pascale che consiglia alla sinistra italiana quale atteggiamento deve avere in rapporto alla tecnologia e al metodo scientifico. E Alessandro Leogrande racconta quando lo Stato uccide nella carceri.

Inoltre le rubriche di Tiziano Scarpa, Diego Marani, Alessandro Bergonzoni. Il teatro di Camilla Tagliabue, la filosofia di Marco Filoni e il cinema di Gianni Canova.

La puntura della vespa di Riccardo Chiaberge.

E poi una grande sorpresa: la classicità di Elio e le storie tese

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La nostra è un’epoca barocca

next
Articolo Successivo

Petros Markaris: «La Grecia ha perso la “cultura della povertà”»

next