Che dire? Scilipoti è Scilipoti: suo malgrado, e nostro malgrado, il segno di un’epoca. Scilipoti ci resterà addosso anche quando sarà scomparso il tempo che lo ha creato. Scilipoti parla in terza persona, come Napoleone. Glielo fai notare, ci scherza su. Poi dopo cinque minuti se ne dimentica, e inizia a parlare in terza persona davvero.

Scilipoti è terribile, ma anche simpatico: è un fatto. Scilipoti, intervistarlo, è come ballare. Ditemi voi, cosa vene pare, io, non posso farci nulla, non dovrei dirlo, ma mi sono divertito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pronti via il primo guaio per De Magistris: 4mila disoccupati costati 20 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Renzi, il no al referendum demolisce
i “rottamatori”. E imbarazza il Pd

next