Che dire? Scilipoti è Scilipoti: suo malgrado, e nostro malgrado, il segno di un’epoca. Scilipoti ci resterà addosso anche quando sarà scomparso il tempo che lo ha creato. Scilipoti parla in terza persona, come Napoleone. Glielo fai notare, ci scherza su. Poi dopo cinque minuti se ne dimentica, e inizia a parlare in terza persona davvero.

Scilipoti è terribile, ma anche simpatico: è un fatto. Scilipoti, intervistarlo, è come ballare. Ditemi voi, cosa vene pare, io, non posso farci nulla, non dovrei dirlo, ma mi sono divertito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pronti via il primo guaio per De Magistris: 4mila disoccupati costati 20 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Renzi, il no al referendum demolisce
i “rottamatori”. E imbarazza il Pd

next