Che dire? Scilipoti è Scilipoti: suo malgrado, e nostro malgrado, il segno di un’epoca. Scilipoti ci resterà addosso anche quando sarà scomparso il tempo che lo ha creato. Scilipoti parla in terza persona, come Napoleone. Glielo fai notare, ci scherza su. Poi dopo cinque minuti se ne dimentica, e inizia a parlare in terza persona davvero.

Scilipoti è terribile, ma anche simpatico: è un fatto. Scilipoti, intervistarlo, è come ballare. Ditemi voi, cosa vene pare, io, non posso farci nulla, non dovrei dirlo, ma mi sono divertito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pronti via il primo guaio per De Magistris: 4mila disoccupati costati 20 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Renzi, il no al referendum demolisce
i “rottamatori”. E imbarazza il Pd

next