Il Consiglio dei ministri si riunisce d’urgenza, manca, però, il premier Silvio Berlusconi perché in Romania. Così in sala stampa si presenta solo il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ma guai a parlare del ‘cappotto’ subito dal centrodestra alle amministrative. La Russa preferisce parlare della parata militare del 2 giugno. “Non si fanno domande che esulano dall’argomento”, dichiara ai giornalisti in sala stampa. Poi uscito da Palazzo Chigi, ai cronisti che lo fermano dentro Montecitorio dichiara: “Guai a negare che si tratti di una sconfitta. Ragioneremo, ci confronteremo, tenendo ben presente che siamo tutti in discussione, nessuno escluso, trovando – continua – i modi per capire cosa si aspetta da noi l’opinione pubblica. E’ questa la risposta che dobbiamo dare ai cittadini che ci hanno voltato le spalle”.
Video di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa di piazza, de Magistris: “Da domani al lavoro per il lavoro”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi, Beha: “Perde Berlusconi e la Triestina trema”

next