Via Taverna del Ferro è una strada stretta come un corridoio, nascosta tra due colossi di cemento. Siamo a San Giovanni a Teduccio, periferia orientale di Napoli: il quartiere del “bronx”, fortino del clan Formicola e centro storico dello spaccio partenopeo. Ma se distogli lo sguardo dai nove casermoni di edilizia popolare e giri l’angolo, a pochi metri trovi una scuola che porta il nome di Rosario Livatino, il giudice ragazzino ammazzato dalla mafia. (Leggi l’articolo di Tommaso Rodano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi: il voto è dipeso dai candidati deboli

next
Articolo Successivo

Milano, Libertà e Giustizia presenta l’appello per Pisapia

next