Roberto Morrione, giornalista e compagno. Giornalista perché serviva onestamente il suo pubblico, dandogli le notizie. “Compagno” perché era della vecchia Italia povera e popolare. In Rai (aveva cominciato con Enzo Biagi) fu l’unico a dare l’intervista di Borsellino su Berlusconi, e a darla subito, mentre gli altri ancora si chiedevano se fosse compatibile, dare una tale intervista, con la carriera. Professionista fino alla fine, soprattutto alla fine. Quando finì con la Rai non perse tempo con salotti tv e nostalgie ma si buttò a fondare un nuovo giornale: Libera informazione, il giornale di Libera, non su carta naturalmente, ma sulla Rete.

Lo riempì di ragazzi, alla Giuseppe Fava. Molti venivano dal Rita Express, il movimento nord-sud che rinnovò l’antimafia (e la politica) a metà del decennio; nessuno ebbe la lucidità di prenderlo sul serio, oltre lui. Ne fu maestro fedele e rigoroso, senza demagogie. Ne fece una redazione agguerrita e aggressiva, pronta a fiondarsi appertutto, su ogni verità da raccontare.

Tutti gli uomini muoiono, prima o poi, è la nostra vita. Alcuni, vip e notabili, lasciano poco e niente: cerimonie e rumori. Altri, che credevano in altro, lasciano cose fatte, affetti, esseri umani e buon lavoro da continuare. Roberto continua così, nei giovani che lo seguirono, e che sono nostri colleghi. Hai fatto bene ad aver fiducia in loro. Il lavoro sarà continuato.

Per conoscere meglio Riccardo Orioles:  www.ucuntu.org

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il futuro dei libri sarà
la pubblicità?

next
Articolo Successivo

Sgarbi si chiude,
Current la chiudono!

next