In un collegio elettorale grande come gli Stati Uniti, essere conosciuti è fondamentale. Ecco perché molti si candidano alla presidenza due volte. La prima volta per farsi conoscere, la seconda per diventare presidente.

Ovviamente non è una regola generale. Bill Clinton fu eletto al primo tentativo. Lo stesso GW Bush (Bush figlio), Jimmy Carter e Barack Obama.

Però GH Bush (Bush padre) e Richard Nixon divennero presidenti al secondo tentativo, Ronald Reagan addirittura al terzo.

In queste elezioni, tra i possibili candidati repubblicani, ce ne sono tre che sono al secondo tentativo: Matt Romney, Ron Paul e Mick Huckabee. Ai tre è da aggiungere Sarah Palin, che nel 2008 era candidata alla vicepresidenza. Non è un caso che questi siano anche i quattro candidati con il maggior consenso.

Eppure, anche così, più del 50 per cento dell’elettorato americano non ha mai sentito parlare di loro.

Questo significa che i candidati repubblicani, pure quelli al secondo tentativo, dovranno dividere la loro campagna elettorale in due fasi: dedicare i prossimi dodici mesi e circa 500 milioni di dollari per farsi conoscere. E poi impiegare gli ultimi sei mesi di campagna elettorale e altri 500 milioni per provare a battere Obama.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuba? Per Baricco è un paese fascista

prev
Articolo Successivo

Sgarbi: la fine dell’insulto come genere

next