Una volta chiesero a Jimmy Carter, presidente degli Stati Uniti dal 1977 al 1980, perché tanti pensassero che la sua fosse stata una presidenza fallimentare. Carter non si sottrasse alla domanda, e semplicemente rispose: “Perché non sono stato rieletto”.

Lo stesso destino di Carter è stato condiviso da GH Bush (Bush padre) e Lyndon Johnson, per guardare soltanto all’ultimo mezzo secolo. Il primo si candidò e fu sconfitto alle elezioni generali. Il secondo rinunciò alla rielezione quando fu sconfitto in un paio di primarie.

La rielezione è la cifra di una presidenza. Non consegna necessariamente al successo, ma aumenta le chance. Una presidenza lunga un unico mandato è immediatamente consegnata alla storia come fallimentare.

L’anno scorso, alcuni avevano riservatamente chiesto a Barack Obama di rinunciare alla campagna elettorale del 2012 e ritirarsi alla fine del primo mandato. Non sorprendentemente, queste voci erano venute dalla comunità afro-americana, che voleva evitare che un eventuale fallimento della presidenza Obama sbarrasse per sempre la strada della presidenza a successivi candidati non bianchi.

Ora queste voci sono rientrate. Segno ulteriore che le quotazioni del presidente in carica sono in crescita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’allegro suicidio

next
Articolo Successivo

La Russa: ovvero etica, estetica e… mimetica

next