Roma Europride 2011Com’è andata l’hanno riportato tutti i giornali: Beppe Grillo, dal palco allestito in Piazza Maggiore, in chiusura del suo comizio/monologo lancia all’indirizzo di Nichi Vendola un simpaticissimo, esilarante, arguto “at salut buson” – traduzione per i non bolognesi: “ti saluto culattone” – .

Di fronte alle numerose e fondate critiche ricevute da Grillo per l’insulto gratuito e maschilista, il Movimento 5 Stelle da lui lanciato l’ha e s’è difeso argomentando che si vogliono “strumentalizzare mezze frasi ed espressioni dialettali”; un po’ come se non si potesse criticare Bossi perché ha gridato “fòra dal bàl!” agli immigrati. Una difesa debole e dettata dall’urgenza di parare un fianco scoperto.

Più consistente è invece il successivo argomento usato, ovvero che a testimonianza del fatto che il Movimento 5 Stelle non discrimina le persone omosessuali/bisessuali/trans, l’anno scorso hanno aderito al manifesto per i diritti civili promosso dalla Rete Laica Bologna.

Come portavoce della Rete Laica, ho avuto modo di conoscere e collaborare più volte coi consiglieri regionali del M5S, Giovanni Favia e Andrea Defranceschi. Ho trovato due persone attente (rara virtù), disposte a informarsi e a studiare, molto battagliere nel condurre il loro ruolo istituzionale.

Sono sempre stato consapevole, nei nostri incontri, che il M5S è un neonato con dei temi forti – ambiente, energia, trasparenza – e altri su cui deve ancora maturare una riflessione, comune tanto ai dirigenti quanto ai militanti. I diritti civili sono uno di questi temi su cui ancora faticano a fissare dei punti fermi. Per questa ragione li abbiamo cercati e siamo stati felici della collaborazione che è nata e che continua; il manifesto per i diritti civili che hanno sottoscritto è stato un primo passo nella direzione giusta. Non smetteremo di costruirne altri assieme, come facciamo con tutte le forze politiche disposte a confrontarsi con noi.

Ora è tempo di compiere un nuovo passo e mi auguro che queste mie poche parole siano intese come positiva sollecitazione: aderisca il Movimento 5 Stelle all’Europride 2011 di Roma, la più grande manifestazione europea per le libertà, dedicata all’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge e, dunque, alla parità di diritti, individuali e civili, tra persone eterosessuali e persone omosessuali/bisessuali/trans.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da piazza Tahrir a piazza Maggiore

next
Articolo Successivo

Campagna elettorale a Bologna: scomparsi i programmi, restano i veleni

next