Umberto Bossi, rispondendo ai giornalisti, ha detto di non essersi sentito certo in imbarazzo ad ascoltare l’inno nazionale ieri in piazza Maggiore a Bologna. “C’era il Pdl che non ha un inno e quindi utilizza Fratelli d’Italia – ha ironizzato il ministro delle Riforme -. Comunque non mi ha dato fastidio anche se preferisco la canzone del Piave, che mi hanno insegnato quando andavo alle elementari”.

Sul presidente della Camera Gianfranco Fini che ha sostenuto l’opportunismo elettorale del Carroccio nell’ascoltare l’inno di Mameli, Bossi non usa mezzi termini. “Fini è uno stronzo. L’importante è che noi prendiamo i voti e lui no”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il candidato replica al ministro: “Tremonti è un razzista”

next
Articolo Successivo

“No problem coi candidati gay”

next