Ci sono due Osama bin Laden.

Il primo è quello consegnato alla storia. L’ideatore di al-Qaida, il visionario del ritorno al Califfato, della ciclopica guerra all’Occidente e, in particolare, all’America. Il politico che costruisce il franchising, l’organizzazione; la dota di fondi; crea alleanze importanti; individua gli obiettivi; si circonda di uomini capaci e fedeli; ordisce gli attentati in Somalia nel 1994 e poi, in un susseguirsi di successi (e sconfitte), a New York.

L’11 settembre è ovviamente la sua apoteosi, l’impresa che lo affida alla storia. Ma anche la fine del primo Osama.

Il secondo Osama è quello che è stato ucciso ad Abbodabat. Il terrorista braccato e sfollato dalle sue basi in Afghanistan. La necessità di occultarsi, la rete di relazioni più volte colpita, la corte dei suoi più stretti collaboratori decimata, la difficoltà di raccordarsi con la propria e le altre organizzazioni. Certamente estraneo ai grandi movimenti che stanno investendo il mondo arabo in questi mesi. Questo bin Laden ha poco da dire alla storia presente.

Gli Stati Uniti hanno ucciso il secondo ma stanno celebrando la vittoria sul primo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ecco a chi dare il 5 x mille

prev
Articolo Successivo

Smartime diventa un mensile on line

next