Tra gli eventi del primo maggio milanese non poteva mancare la MayDay, il corteo contro tutte le forme di precariato che quest’anno giunge alla sua undicesima edizione. Tra musica e striscioni, i manifestanti hanno dato voce alle lotte dei lavoratori, ma anche alla preoccupazione per il consumo del territorio nell’area di Milano, per i diritti degli stranieri, per il progetto di Expo 2015. Molto sentito l’appuntamento elettorale per le amministrative del 15 e 16 maggio. “Se vince la Moratti anche ‘sta volta siamo rovinati”, scandisce un partecipante, che ricorda: “Grazie a lei molti precari hanno dovuto lavorare anche il primo maggio”. L’iniziativa della giunta comunale di concedere l’apertura agli esercizi commerciali non è piaciuta al corteo dei precari. “Milano sfrutta i precari”, spiega una ragazza, precaria nel settore della moda, che, continua, “poggia sulle spalle di lavoratori senza diritti”. (di Franz Baraggino)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primo maggio, san Precario picchetta un supermarket

prev
Articolo Successivo

Beha: “Lo scudetto alla moviola”

next