Silvio Berlusconi for President ad America 2012? Non proprio lui, perché la Costituzione glielo vieta non essendo nato inAmerica – avvertite il sospiro di sollievo di 330 milioni di cittadini statunitensi? -, ma una sorta di suo “alter ego”: il miliardario dell’immobiliare a vocazione televisiva Donald Trump, che avrebbe ambizioni presidenziali, o come candidato repubblicano, o come portabandiera indipendente d’una improbabile Terza Via Usa.

Il New York Times prova a esorcizzare l’ipotesi, che considera una iattura e, per stroncare sul nascere ogni velleità del biondo Donald, paragona il magnate americano al premier italiano. In un commento al vetriolo, l’opinionista Timothy Egan definisce Donald e Silvio “individui volgari” e constata una stanchezza generale negli Stati Uniti per le piazzate di Trump (ma questo, come dimostra il caso di Mr B in Italia, non basta asventare la minaccia).

Secondo Egan, le somiglianze tra Trump e Berlusconi, il premier italiano rimasto in carica più tempo di qualsiasi altro leader dall’epoca di Mussolini, sono “irresistibili”. Eccone alcune: Berlusconi ha capelli trapiantati, Trump un costoso toupet; Berlusconi offende le donne, Trump ne ha chiamato una “grasso maiale” (la conduttrice televisiva Rosie O’ Donnell). Berlusconi ha portato i sexy show sulla tv italiana. Trump ha un “ridicolo” reality show nel quale fa se stesso, l’imprenditore cattivo. Egan, però, avverte che c’è una fetta di popolazione “stranamente estasiata” dai due: “Che cosa dobbiamo pensare – si chiede, e noi con lui – della gente che li sceglie?.

Il Fatto Quotidiano, 23 aprile 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reportage da Misurata: “Feste qui non se ne vedono, si combatte e si muore”

prev
Articolo Successivo

Diario dalla Palestina 4 – Profondo Sud

next