Da Genova a New York a bordo di una barca a vela. Una traversata simbolica per risvegliare l’Italia, dalla riforma della politica alla laicità dello Stato. Il velista Giovanni Soldini e Oscar Farinetti di Eataly sono i “capitani” che hanno messo in piedi un equipaggio di 22 uomini e donne “di pensiero e di azione”. Il loro compito? Oltre alla navigazione, avranno sette mesi per mettere a punto il programma “7 mosse x l’Italia” per migliorare la situazione del Paese.

Scrittori, imprenditori, artisti e marinai. Tutti a bordo di un ketch di 22 metri che salperà il 25 aprile dalla Città della Lanterna per approdare nella Grande Mela il 2 giugno. L’alfa del viaggio sarà la Liberazione, l’omega la Festa della Repubblica.

I 22 si alterneranno nel corso delle quattro tappe del viaggio che dopo Genova toccherà Palma de Maiorca, Gibilterra e Madeira, per concludersi a New York.

Tra di loro ci saranno Piergiorgio Odifreddi, Riccardo Illy e Matteo Marzotto oltre agli scrittori Alessandro Baricco, Giorgio Faletti e Simone Perotti. Anche la gastronomia sarà made in Italy grazie ai quattro chef che prenderanno parte alla traversata e cucineranno ogni giorno con un budget di 4,50 euro a persona.

La stesura delle sette mosse non sarà però limitata a un confronto fra chi attraversa il mare, ma sarà aperta a chiunque voglia inviare da casa le sue proposte, attraverso il sito Internet 7mosse.it.

“Insieme a Oscar Farinetti, che rappresenta l’eccellenza alimentare italiana, abbiamo pensato a questa idea per smuovere le coscienze”, spiega Giovanni Soldini. “Ci sono ragioni civili alla base del nostro viaggio, che è soltanto un segnale per richiamare l’urgenza del cambiamento. Il mondo avanza e l’Italia continua a perdere terreno. E’ necessario un colpo di reni. Viviamo in un paese bellissimo, ma c’è un problema di coscienza collettiva e di tutela della cosa pubblica di cui nessuno sembra più occuparsi. Ci è rimasto poco tempo, non ce lo possiamo più permettere”, osserva il velista.

E il successo dell’iniziativa per Soldini si misurerà dalla collaborazione sul web di chi vorrà appassionarsi e condividere le proprie opinioni. Mentre i segnali dall’alto non arrivano. “Vorremmo che gli spunti per una svolta arrivassero dalla classe politica, ma questo non succede”, osserva. “Il disinteresse è trasversale, sia a destra che a sinistra. Mancano trasparenza e senso di responsabilità. Certo, anche in Francia, ad esempio, i politici non sono tutti virtuosi ma almeno i servizi per il cittadino funzionano”. Per Soldini il problema è anche radicato nella nostra società, dove il senso civico pare un valore smarrito. Viene affossato dagli interessi personali e dal disinteresse verso gli altri. Altrimenti non si spiega la prevalenza della logica nazional-popolare in cui “essere un baby pensionato è un motivo di vanto e non di senso di colpa nei confronti della collettività”. Insomma, o si diventa efficienti o ci si riduce ai margini, come sta accadendo all’Italia. “Il numero ‘sette’ che abbiamo scelto non è legato a nessun significato particolare. Ci piaceva il numero e l’idea di realizzare in fretta un cambiamento”, spiega Soldini, che non intende limitare l’esperienza alla traversata oceanica. “Oscar Farinetti vuole infatti portare il risultato del lavoro di chi è a bordo e da chi ci scrive su Internet al nostro console a New York che poi le trasmetterà a Roma”.

Buon viaggio, allora, all’Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prison Valley, dove anche il carcere è privatizzato

next
Articolo Successivo

Intorno a L’Aquila paesi fantasma e zone rosse

next