Apparentemente uno dei pochi rami dell’economia americana a non soffrire la recessione è stato quello carcerario, perché i carcerati non diminuiscono durante le crisi economiche, anzi. In Italia (dove le carceri sono sovraffollate all’inverosimile e il problema è risolto con amnistie periodiche) l’inventivo ministro Brunetta proponeva non più tardi del 2008 di riconvertire villaggi vacanze dismessi in carceri private.

Se vi venisse voglia di saperne di più sull’universo carcerario privato o semi pubblico, un buon punto di partenza potrebbe essere il bel webdocumentario (formato molto popolare in Francia e molto meno qui da noi) Prison Valley di Philippe Brault e David Dufresne, disponibile in inglese, francese e tedesco. Prison Valley è un viaggio interattivo nella città di Canon City in Colorado, la cui economia ruota quasi totalmente attorno alle 13 carceri della zona, e nella quale anche i liberi cittadini finiscono in qualche modo per “stare dentro”. Un inquietante sguardo su un possibile futuro in un mondo tutto privatizzato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le web tv “a rete unificata” festeggiano
Rita Levi Montalcini

next
Articolo Successivo

“7 mosse per l’Italia”, una traversata oceanica per salvare il Paese

next