Ora che il dibattito sul deficit pubblico americano entra nel vivo, diventano ancora più evidenti le ragioni delle scelte di fondo assunte dall’Amministrazione Obama negli ultimi due anni.

Primo, non fallire: soldi ai mercati finanziari, alle banche, alle società di mutui, affinché continuino ad assicurare il credito. Soldi agli stati, che stavano fallendo (vedi la California e la Carolina del Nord).

Secondo: salvaguardare, almeno un po’, il livello occupazionale. Da qui il prestito all’industria automobilistica, ad alta intensità di lavoro dipendente.

Terzo: riduzione dei costi fissi, cioè riforma della salute.

Queste tre mosse hanno chiuso la prima fase.

Adesso inizia la seconda.

Riduzione del deficit, strutturazione del debito, qualche investimento.

Se Obama non fosse il presidente degli Stati Uniti, potrebbe essere scambiato per il liquidatore di United States Inc., il liquidatore del sistema economico americano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’intellettuale e il suo “colore” politico

prev
Articolo Successivo

Quali BR nei cartelli di Milano?

next