Dopo una breve tregua a causa del maltempo, sono ripresi gli sbarchi di migranti a Lampedusa. Nella notte 46 immigrati tunisini a bordo di una barca in legno che stava affondando al largo dell’isola di Lampedusa sono stati tratti in salvo. I 46 migranti, tra cui due donne, sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia di Finanza a 23 miglia dall’isola dopo essere stati avvistati dalla nave della Marina militare in servizio di perlustrazione. Durante il trasbordo sulla motovedetta la barca stava igià imbarcando acqua e stava per affondare. Uno dei tunisini soccorsi è caduto in acqua ma è stato salvato dai finanzieri. I migrantii, arrivati intorno all’1.30 a Lampedusa, sono stati accompagnati al Centro d’accoglienza di contrada Imbriacola, dove ci sono circa 200 migranti su una capienza di 850 persone.

E un altro barcone con circa 300 profughi provenienti dalla Libia è già stato avvistato nel Canale di Sicilia. L’imbarcazione, come confermano dalla Capitaneria di porto, “è monitorata a distanza” dai mezzi della Guardia costiera. Il loro arrivo a Lampedusa è previsto in giornata.

Intanto nel centro di prima accoglienza dell’isola, dove oggi è atteso l’arrivo del ministro della Difesa Ignazio La Russa, ieri si era era registrata la protesta di un centinaio di immigrati contro i rimpatri avviati in questi giorni dopo l’accordo con il governo tunisino. Oggi non sarà effettuato nessun rimpatrio degli immigrati tunisini sbarcati sull’isola di Lampedusa dopo il 5 aprile. Dopo l’ultimo rimpatrio, via aereo, avvenuto ieri sera con trenta migranti riportati in Tunisia, i voli dovrebbero riprendere domani al ritmo di sessanta al giorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Castelvolturno, quattro ergastoli

next
Articolo Successivo

Restiamo umani, Vittorio

next