Ospite de “La Zanzara”, Italo Bocchino parla del FLI, del suo progetto politico, della sua vita quotidiana e lancia stoccate a Nicole Minetti, a Berlusconi e all’ex finiana Siliquini. “La Minetti? Non mi piace, la trovo troppo rifatta – dichiara Bocchino – però piace a mio suocero. A Napoli – aggiunge il vicepresidente Fli – si dice che il peccato si fa per la carne e non per le ossa… Peccare per ossa e silicone non vale la pena”. Un’altra battuta al vetriolo è destinata alla Siliquini: “La Siliquini? E’ vero che non sa quanti sono gli impiegati delle poste (dice 1000 ma sono 100000, come ha dichiarato in un’intervista al Fatto Quotidiano, intervista che dovrebbe essere letta nelle scuole di giornalismo ), ma rimane comunque un’esperta del settore. Le poste hanno infatti un business in perdita, la consegna delle lettere, magari nel paesino sperduto, e un business che dà profitto: i pacchi e le raccomandate. Lei è esperta di questa seconda categoria”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Ruby, più giornalisti che berluscones

next
Articolo Successivo

9 aprile in piazza con le associazioni dei precari – il video-promo della giornata

next