Maggioranza battuta al Senato in Commissione Affari Costituzionali sul decreto che istituisce la giornata del 17 marzo come festa per i 150 anni dell’Unità d’Italia da celebrarsi ogni anno. E’ passato infatti un emendamento dell’Idv che stabilisce questa data come giorno dell’indipendenza nazionale. Il decreto comunque dovrebbe essere modificato dall’Aula del Senato ristabilendo il testo originale che prevede solo per quest’anno la festa per la ricorrenza dei 150 anni dell’unità del paese. L’emendamento dell’Idv è passato con 9 voti a favore di Pd e Idv, e 8 contrari di Pdl, Lega e Coesione nazionale. Viene così istituita “la giornata nazionale dell’indipendenza della Nazione e della indivisibilità della Repubblica”. Festività da celebrare sempre senza che abbia alcun effetto civile, quindi non è festa negli uffici e nelle scuole. In occasione di questa giornata, inoltre, Regioni, Province e Comuni promuoveranno iniziative volte “alla sensibilizzazione sul valore storico, istituzionale e sociale dell’unità della nazione e della indivisibilità della Repubblica”. Anche le scuole saranno chiamate ad approfondire questi temi. Il decreto andrà in Aula domani mattina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ruby, da giunta autorizzazioni parere su conflitto entro mercoledì

next
Articolo Successivo

Giustizia, Anm: “Attività legislativa
piegata a interessi particolari”

next