La centrale nucleare di Pickering a 35 chilometri dalla città canadese di Toronto ha riversato nel Lago Ontario 73mila litri di acqua contaminata. Lo ha reso noto la società che gestisce l’impianto, la Ontario Power Generation, dopo averne informato le autorità competenti. Ieri l’acqua contaminata è stata “non intenzionalmente” riversata nel lago. Sono state misurate tracce di trizio nell’acqua, ma in quantità molto inferiori alla soglia considerata un pericolosa per la salute delle persone. “Dal punto di vista normativo, è un evento di importanza molto bassa. Non vi è alcun impatto sull’acqua potabile”, ha spiegato la Ontario Power, assicurando che il malfunzionamento al sistema di scarico è stato nel frattempo risolto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

150 anni, Berlusconi contestato: “Dimettiti”. Bossi: “Peggio per lui”

next
Articolo Successivo

Nel giorno dell’Unità, il sindaco dimissionario Cialente occupa il comune de L’Aquila

next