L'ex direttore generale della Rai, Alfredo Meocci

Undici milioni di euro di risarcimento per una nomina impropria. E’ il risarcimento deciso dalla corte dei conti per la nomina nell’agosto del 2005 di Alfredo Meocci a direttore generale della Rai. Meocci era contemporaneamente membro dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. La magistratura contabile ha condannato gli allora consiglieri d’amministrazione della Rai che votarono a favore della nomina, ovvero Giovanna Bianchi Clerici, Gennaro Malgieri, Angelo Maria Petroni, Giuliano Urbani e Marco Staderini, e l’allora ministro del Tesoro Domenico Siniscalco che propose la nomina, ad un risarcimento di 11 milioni di euro, in parti uguali fra loro. E’ quanto si legge nelle motivazioni della sentenza del 23 febbraio, pubblicate oggi sul sito della corte. Condannati anche l’ex direttore generale Alfredo Meocci a risarcire la somma di 107 mila euro e l’allora legale Rai Rubens Esposito, a 239 mila euro. La corte parla anche di “manifestazione di una volontà pervicacemente e supinamente adesiva alla volontà politica”.

Per i magistrati ci sarebbe stata una “colpa grave da parte di tutti i soggetti ritenuti responsabili dei fatti addebitati poiché – si legge nella sentenza – se può escludersi la coscienza e volontà sia di violare la legge ma anche di accertare il relativo rischio, non può dubitarsi che tutti i responsabili abbiano posto in essere un comportamento sommamente lesivo di ogni regola di prudente e buon governo della cosa pubblica, perfettamente integrante l’elemento soggettivo della colpa grave”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, Idv presenta un esposto contro
le “spese improprie” di Minzolini

prev
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi, conduttore e sindaco
“Vorrei Corona e la Minetti in trasmissione”

next