Mentre la Libia brucia, a Tunisi si ragiona, si discute e si sogna sul futuro. A piazza Kasba, avamposto della rivoluzione democratica che sta scuotendo il mondo arabo, i cittadini si stanno organizzando per ottenere, dopo la cacciata di Ben Ali, una seconda importante vittoria: l’elezione di un’assemblea Costituente in grado di cambiare le regole del gioco. Non un nuovo presidente, ma la garanzia del pluralismo.  di Paolo Hutter e Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, combattimenti a Ras Lanuf. Manifestazione anti-Gheddafi a Tripoli

next
Articolo Successivo

Sabina Guzzanti, da piazza Navona al bunga bunga

next