Nuova spaccatura all’interno del fronte sindacale. La Cgil infatti non ha firmato l’accordo con il governo sul salario di produttività nella pubblica amministrazione che invece è stato sottoscritto da Uil e Cisl. Il testo dell’accordo sugli aumenti di stipendio legati alla produttività nel pubblico impiego è stato bollato dal segretario generale della Cgil Susanna Camusso come una presa in giro dei lavoratori. “Siamo di fronte a dei sindacati che corrono in soccorso al governo che è un po’ claudicante”, ha detto Camusso rivolgendosi a segretari di Uil e Cisl Paolo Pirani e Raffaele Bonanni.

Un’accusa che il leader della Cisl rimanda al mittente: “Mi dispiace della caduta di stile di Susanna Camusso, perché noi siamo i rappresentanti di milioni di lavoratori e non prendiamo in giro nessuno – ha detto Bonanni – buste paga di tutti i lavoratori del pubblico impiego avranno esattamente quello che è stato pattuito, senza un euro in meno”.

Secondo Susanna Camusso l’accordo firmato non affronta i problemi dei lavoratori pubblici “La Finanziaria taglia il 50% dei lavoratori precari della pubblica amministrazione. Non si fa la riforma dell’amministrazione con il taglio della contrattazione nazionale”. Assieme alla Cgil non hanno firmato neanche dai Cobas e dalla Cisal.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

My new job, looking
for a job

prev
Articolo Successivo

La lobby dei senza lobby

next