“Nessuna escort”. Nega tutto, Lele Mora, coinvolto nel ‘caso Ruby’ e indagato dalla Procura della Repubblica per induzione alla prostituzione insieme a Emilio Fede e a Nicole Minetti. In centro a Milano per presentare il tour di ‘Tu come noi’, uno spettacolo itinerante che si propone di intercettare nuovi volti da lanciare nel mondo dello spettacolo, il talent-scout più famoso d’Italia si concede alle domande dei giornalisti. Serafico, accomodante, nessuna accusa contro i magistrati. Peccato che neghi ogni cosa, persino l’esistenza delle feste animate da giovani ragazze a disposizione del premier. “Semplici cene e ottima compagnia”, tutto qui. E di fronte alla citazione testuale di alcune intercettazioni messe agli atti dagli inquirenti, Mora respinge ogni attribuzione: “Non credo di poter dire certe cose – spiega – non è il mio gergo” di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Beha: “Gli allenatori più precari del mondo”

next
Articolo Successivo

Caso Ruby, Ghedini: “Una legge anti-pm? Non ne so nulla”

next