Ben Alì, compare del latitante Craxi, non era peggiore del primo ministro italiano, eppure la parte sana della popolazione tunisina ha rischiato e si è ribellata.

Circa un quinto della gente italica pare entusiasta di un satrapo sguaiato senza cultura né pudore, indagato per reiterati rilevanti reati.

Si sarebbe dovuto mettere una pietra al collo, ma finora si è sottratto alla giustizia grazie ai compari parlamentari, finta opposizione e falsa informazione, giustificandosi con il consenso.

Per questo deve uscire di scena a furore di popolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili