Continua a mietere record Che bella giornata, il nuovo film di Checco Zalone, alias Luca Medici, diretto da Gennaro Nunziante e uscito in sala il 5 gennaio.

Dopo il record di incassi realizzato in due giorni di programmazione (oltre 7 milioni di euro), il weekend regala un’altra soddisfazione: primo con 11,8 milioni di euro, che portano l’introito complessivo a 18,6 milioni secondo i rilevamenti Cinetel (775 sale), con una media copia eccezionale pari a 15.200 euro.

Ma perché questo exploit, che ha strapazzato i record di Avatar (che pure beneficiava del rincaro del biglietto per il 3D) e punta deciso a superare il campione di ogni tempo, La vita è bella di Roberto Benigni, che nel ’97 realizzò 31.231.984 euro? Ecco qualche “spiegazione”:

  1. Bella nel titolo porta bene, che sia Vita o Giornata. Ps: la mamma di Checco, al secolo Luca Medici, l’aveva benedetto: “Un titolo scaramantico!”.
  2. Checco Zalone – nome d’arte pugliese, traducibile in “Che tamarro” – è lo sfigato che tutti vorremmo essere: loser purosangue, disadattato con stile, perdente di classe.
  3. La realtà italiana è troppo triste e drammatica perché non si debba riderci su: Zalone lo fa meglio di (tutti gli) altri, semplicemente. Un esempio: “Studi? E che studi a fare? Qua in Italia non serve a un cazzo!”.
  4. Dopo la felice opera prima Cado dalle nubi, Zalone non ha fatto copia e incolla: a parte il solito titolo meteorologico, ha fatto un film “vero e proprio”, limitandosi a due sole canzoni, Se mi aggiungerai e L’amore non ha religione.
  5. “Se mi aggiungerai / potrei taggarti ogni mio bene / ma se rifiuterai / potrei taggarmi anche alle vene” è la sua geniale risposta a The Social Network di David Fincher: come non dargli l’amicizia?
  6. Luca Medici è intelligente, ma non ti fa sentire stupido; ti fa ridere, ma senza che te ne debba vergognare. In altre parole, è il primo della classe (comica italiana) che ti passa il compito.
  7. Meglio una Giornata da Checco che cento in Sudafrica: flop del cinepanettone Filmauro, che Zalone ha già superato in soli 5 giorni. A corto come non mai, gli italiani hanno preferito attendere il 5 gennaio per andare al cinema?
  8. Chi se non Checco, il Borat italiano, può rendere simpatico Benedetto XVI? Vedere per credere.
  9. Checco Zalone è l’italiano medio, ma gli daresti i massimi voti. Soprattutto, è un poeta, capace di dire quel che tutti pensano ma non “sanno” dire, del tipo: “Se ora non faccio altro che pensare ad una con la seconda coppa B, vuol dire che è vero amore!”. Capito?
  10. Checcosa volete di più?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Hereafter”: il sogno di Eastwood

next
Articolo Successivo

Dai Diari di Mussolini al duce di Arcore

next