Sono venute in due: abitini estivi, capelli scuri legati, avranno qualcosa in più di 20 anni. Fuori, a Santiago del Cile, è piena estate. Dentro il Museo della Memoria e dei Diritti umani, si respira un’aria sospesa, tra passato e futuro.

Le due ragazze si stringono mentre guardano scorrere davanti a loro le immagini del golpe del ’73, mentre guardano la parete tappezzata di foto dei desaparecidos; hanno le lacrime agli occhi mentre ascoltano le ultime parole di Allende, che incoraggia il suo popolo a guardare oltre il buio del momento, e il discorso di insediamento di Pinochet. Davanti a uno schermo al piano di sopra, una madre e un bambino ridono guardando gli spot elettorali dell’epoca che invitavano a votare si o no al plebiscito sulla dittatura, nel 1988. E festeggiano – più di 22 anni dopo – di nuovo il no.

Il Museo – inaugurato il 14 gennaio del 2010, uno degli ultimi atti della Bachelet – è uno dei pochi posti di Santiago dove si parla del passato. Per “un paese diviso a metà”,  come lo definiscono senza esitare i cileni, dove i processi per i crimini commessi durante il regime militare sono stati comunque molti pochi.

E così del terremoto dello scorso febbraio non si vede praticamente segno: circondata dalle Ande, Santiago sembra un’isola nell’America Latina, dove tutto funziona. E dove il futuro sembra la terra delle opportunità. Atmosfera quieta, regole ed educazione: i santiaghini accettano di buon grado anche la presenza dei Carabinieri ad ogni angolo di strada. La sicurezza è un’ossessione: dopo la bomba all’ambasciata cilena, i notiziari hanno rilasciato bollettini continui sulle condizioni del ferito.

E qui – dove l’aborto terapeutico è vietato, e dove la stampa è quasi tutta filo-governativa – ha vinto di nuovo la destra. “Piñera? E’ un Berlusconi”, spiegano i cileni. E intanto, i cables di Wikileaks, appena resi noti, che lo descrivono “intelligente, deciso e lavoratore”, sanciscono il gradimento degli States all’indomani della sua elezione. Non manca il paragone con il nostro premier, evidentemente punto di riferimento globale: “E’ meglio di Berlusconi, perché ha la stessa donna da trent’anni”, si legge in uno dei dispacci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Turchia, giornalista curda condannata a 138 anni di carcere

next
Articolo Successivo

L’anno in chiaroscuro di Barack Obama

next