Antonio Padellaro per la sezione ‘carta stampata’, Enrico Mentana, direttore del tg La7,  per la sezione ‘televisione’, e Bruno Vespa sono tra i vincitori dell’edizione 2010 del Premio Saint-Vincent di giornalismo. I premiati saranno ricevuti a Roma il 21 gennaio, al Palazzo del Quirinale, dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nell’ambito della Giornata dell’Informazione. Altri riconoscimenti sono stati assegnati a Mario Lenzi (premio alla carriera per l’innovazione, la dignità e la valorizzazione del giornalismo regionale e locale) e a Mario Guastoni (esponente autentico del giornalismo francofono a forte vocazione italiana ed europea).

“L’evento – si legge in una nota dell’organizzazione – come sempre costituirà un’occasione per riflettere sulle tematiche più qualificanti del mondo dell’informazione”. Fondato nel 1948, il Premio Saint-Vincent di Giornalismo è promosso dalla la Regione Autonoma Valle d’Aosta, dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana e dall Casino de la Vallée. La consegna dei premi è prevista invece a Saint-Vincent in data da definire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attenzione: non intercettate Belpietro

prev
Articolo Successivo

“Dopo il caso Noemi il governo lavora meno”
Libero attacca B.: “Programma non realizzato”

next