Lei scultrice e regista, lui scrittore e attore, anzi il più grande performer vivente, come ama definirsi. Parliamo di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, due autori stravaganti e unici nel loro genere, molto apprezzati nel panorama culturale italiano, ma bistrattati dal piccolo schermo. Il teatro Vascello di Roma dedica al duo un’antologia, porta in scena i loro migliori spettacoli, dal 7 dicembre al 2 gennaio. Una carrellata della loro storia artistica, da “Pitecus” che risale al 1995, passando per “Io”, “Fotofinish” ai più recenti “Bahumut” e “7-14-21-28”.
Servizio di Irene Buscemi e Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgio Bocca: “Vespa non è un giornalista, è un servo di regime”

next
Articolo Successivo

Il Pd in piazza: “Aspettiamo la fine del governo B. Il partito però ascolti più la base”

next