In piazza tra l’elettorato del partito democratico. La base agogna la fine del governo Berlusconi con il voto del 14 dicembre ma è critica anche con i vertici del Pd: “Troppo morbidi e poi non si dialoga con Casini, è Vendola il nostro interlocutore”. E una strigliata ai vari Bersani, Fassino e D’Alema “ascoltino di più noi elettori”.
Servizio di Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il teatro anticlericale di Rezza

next
Articolo Successivo

Berlusconi, bagno di folla a Milano tra fiducia, speck e grana

next