“Traditori”, strilla Libero in prima pagina additando i deputati del terzo polo al pubblico ludibrio; “traditore” dice Silvio Berlusconi a Gianfranco Fini, il quale peraltro risponde che è il Cavaliere ad aver “tradito” le promesse elettorali.

Fatevi caso. Sembra che il tradimento sia qualcosa di più di un incidente o di un’ingiuria, nella storia italiana, quasi un passaggio inevitabile. La storia dell’Impero romano e la stessa epica riposavano sul fondamento mitologico del tradimento fraticida tra Romolo e Remo (non “Remolo”, quello è un mito ad personam del Cavaliere). L’Italia risorgimentale nasce sul tradimento della Francia, visto che i garibaldini approfittavano della sconfitta di Sedan per conquistare Roma. La prima guerra mondiale ha fatto l’Italia nelle trincee del Carso, dopo aver tradito l’alleanza con gli imperi centrali. La seconda guerra mondiale l’abbiamo cominciata con l’Asse e finita con i partigiani, grazie al doppio tradimento, quello del 25 luglio e quello di Badoglio. E andando a stagioni più recenti: Martelli tradisce Craxi, D’Alema tradisce Occhetto, Bossi tradisce Berlusconi inventando il ribaltone, Veltroni e D’Alema tradiscono ( due volte!) Prodi.

Forse dobbiamo mettere da parte la retorica e provare a immaginare che il tradimento in Italia sia qualcosa di diverso da una ingiuria o una carognata, ma l’unico modo che il nostro paese si é dato per sfuggire alle gabbie dell’ideologia e alla prigione dei fanatismi. Forse il tradimento da noi é qualcosa di più complesso, l’unico sistema di autocorrezione che il Paese dei Borgia ha trovato per emanciparsi dai suoi errori.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Popolo Viola, i dissidi interiori e le accuse

next
Articolo Successivo

Littizzetto: “Camera chiusa? La gente lavora 24 ore su 24”

next