Giorgio Napolitano lancia l’allarme sul futuro dell’Euro. “E’ molto difficile – dice al Quirinale durante la cerimonia di avvio dell’undicesimo foro di dialogo Italia-Spagna – fare una graduatoria delle conseguenze negative della crisi. Ma la peggiore è il fatto che oggi sono messi in forse i valori e le principali fondamenta del processo di integrazione europea. Non dobbiamo nasconderci la gravità dei segnali. Oggi sono messe in questione e non sono sufficientemente garantite la moneta unica, il metodo comunitario, e lo stesso principio di solidarietà”.  Per affrontare la crisi ”serve un’Europa più coesa”, altrimenti le sorti della Ue e della moneta unica “saranno in pericolo”, ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, anche lui al Quirinale.

Un appello – quindi – all’integrazione e all’unità europea. Il titolare della Farnesina ha espresso “preoccupazione per un momento in cui la crisi economica, non ancora superata rischia di essere affrontata dall’Europa con la creazione di gruppi e quindi di divisioni”. La creazione di “assi” all’interno dell’Ue, per Frattini, può mettere a rischio la sorte dell’euro e “la globalizzazione non ci farà sconti”.  A Frattini ha fatto eco il ministro degli Esteri spagnolo, Trinidad Jimenez, la quale ha sottolineato che Italia e Spagna “sono i maggiori difensori dell’Unione europea ed è necessario affrontare le sfide del presente e guardare al futuro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Paese la fiducia non te la dà”
Berlusconi contestato a Napoli

next
Articolo Successivo

Governo, B. attacca Fli: “Chi è stato eletto nel Pdl e non ci sostiene è traditore a vita”

next