Alfonso Marra si è dimesso. Il presidente della Corte d’Appello di Milano, chiamato in causa nell’inchiesta della procura di Roma sulla nuova P2, secondo quanto scrive oggi il Corriere della Sera, ha deciso di andare in pensione con tre anni di anticipo. Prima di arrivare al foro di Milano, Marra era presidente della Corte d’Appello di Brescia, ex coordinatore penale del Tribunale milanese, e Pm del processo a Renato Vallanzasca.

Il giudice ha deciso di fare un passo indietro nell’interesse dell’ufficio. Affinché “torni la tranquillità nella Corte d’Appello milanese”, da mesi nel occhio del ciclone per le intercettazioni romane a carico di Pasquale Lombardi e che coninvolgono direttamente lo stesso Marra.

“E’ finita una vicenda che ha messo a serio rischio la credibilità dell’intera istituzione”. Parole di Luca Palamara. Per il presidente dell’Anm “il tema della questione morale e della correttezza dei comportamenti deve assumere carattere centrale nel dibattito all’interno della magistratura, dove non possono essere tollerate zone d’ombra”.

Clicca per sentire l’intervista ad Alfonso Marra di Antonella Mascali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Garimberti gela Masi sul caso Saviano
“Questo andazzo ci danneggia”

next
Articolo Successivo

Case Antigua: causa civile di Berlusconi a Report

next