Considero l’invidia uno spreco di energie, oltretutto nocivo. Dall’invidia non nascono soluzioni, soltanto rancori. E però eccomici dentro fino al collo. Parlo di politica, non di persone. Seguo, per quanto possibile, il dibattito nel Pd e dintorni su primarie, legge elettorale, bipolarismo e altre cose essenziali (sì, essenziali), ma ho già perso il bandolo della matassa. Non c’è gerarchia di obiettivi, non c’è uno scadenzario chiaro, non c’è una sede appropriata di discussione, che non siano le interviste o le articolesse sparse dell’uno o dell’altro.

E allora, certamente favorito dal fatto di risiedere all’estero, mi consolo con altre sinistre, e ritrovo di botto il gusto della politica, del dibattito di idee, anche della lotta per il potere. I militanti del Labour hanno cominciato a votare : il 25 settembre si saprà chi sarà il loro portacolori, leader del partito e candidato premier. Si profila un duello tra i due fratelli Miliband, David e Ed, 45 e 41 anni. Rappresentano due anime diverse : David, piuttosto New Labour , guarda anche al centro dell’elettorato, Ed, che pare più radicale, mira all’elettorato tradizionale laburista. L’esito del duello ovviamente mi interessa, ma per il momento mi piace questa cosa che a fine settembre tutti i britannici sapranno con chi avranno a che fare per i prossimi anni. Ma il moto d’invidia non si limita ai britannici.

Invidio addirittura la sinistra francese, raramente esemplare, normalmente rissosa e invelenita al suo interno. I socialisti pare abbiano finalmente tirato la lezione del 2007 : hanno capito che si è più forti quando alla battaglia si va uniti. Hanno scoperto l’acqua calda, direte voi. Ma loro, almeno, l’hanno scoperta. Invidio anche il loro sistema elettorale, questo maggioritario a due turni : al primo si sceglie, al secondo si elimina : alle comunali, alle politiche, alle presidenziali. Lo so, lo so, storie diverse, culture diverse, sistemi diversi. Ma ho l’impressione che tutti i treni partano, magari in ritardo, meno il mio, che arrugginisce su un binario morto. E questo, purtroppo, a prescindere da Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La “porcata” di D’Alema

next
Articolo Successivo

Fini, il dormiente si è svegliato

next