Dopo aver fortemente voluto l’incarico del nulla incarnato da Brancher e dopo averlo giustificato con la definizione di “ministero low cost”, il ministro Tremonti tenta un disperato salvataggio in corner alla domanda lapidaria del giornalista Stefano Feltri circa l’assenza del “Greganti del Biscione”: “Come mai alla presentazione del federalismo non c’è il ministro del federalismo?”.
La risposta di Tremonti è illuminante quanto ingannevole: “Il ministro del federalismo é Bossi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Italia si fonda sul lavoro. Peccato

prev
Articolo Successivo

Dell’Utri: storia di un precario

next