Dopo aver fortemente voluto l’incarico del nulla incarnato da Brancher e dopo averlo giustificato con la definizione di “ministero low cost”, il ministro Tremonti tenta un disperato salvataggio in corner alla domanda lapidaria del giornalista Stefano Feltri circa l’assenza del “Greganti del Biscione”: “Come mai alla presentazione del federalismo non c’è il ministro del federalismo?”.
La risposta di Tremonti è illuminante quanto ingannevole: “Il ministro del federalismo é Bossi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia si fonda sul lavoro. Peccato

next
Articolo Successivo

Dell’Utri: storia di un precario

next