Sono stato di recente in ‘Gran Pretagna’.  Si tratta del quartiere Aurelio di Roma. Una zona della città che parte proprio dalla via Aurelia e arriva fino al grande raccordo anulare. Qui risiede il 22 % delle suore presenti in Italia e il 29,5% di frati, sacerdoti e monaci (dati de La Stampa).

Complessi immobiliari che ospitano seminari, conventi, case per ferie gestite da religiosi, scuole e università cattoliche dirette da prelati. In ‘Gran Pretagna’ c’è anche la sede di Sat 2000 e radio in Blu, le emittenti della Conferenza episcopale italiana.

Gli immobili della chiesa in questa zona, partono da un minimo di mille metri quadri fino ad arrivare a diecimila metri quadri e anche più. Un patrimonio immenso fatto di terreni e palazzi.

Eppure qui, in ‘Gran Pretagna’, c’è un sacerdote pugliese, don Raffaele Buono, che ha difficoltà a trovare uno spazio per accogliere i suoi ‘ospiti’. Gli ‘ospiti’, così li chiama il prete, sono le centinaia di persone disagiate che ogni venerdì e sabato prendono come riferimento la chiesa di don Raffaele, il san Leone Magno.

Da 25 anni, insieme a un gruppo di volontari, Buono organizza una serie di attività, prima fra tutte la “Colazione per i poveri”, ogni sabato mattina dalle 6,30 alle 10 e poi il venerdì, agli stessi orari, la giornata della doccia. Ha fondato un’associazione dal nome La.Va., lavoro vagabondo, e ha trovato lavoro a decine di persone che vivevano in strada. Eppure l’associazione di don Raffaele non riesce a trovare uno spazio adeguato. L’unico che gli è stato concesso per la ‘giornata della doccia’, quattro bagni in tutto, è uno spazio del Comune da dividere con il centro anziani del quartiere. Con una differenza: il centro anziani non paga l’affitto e l’associazione di don Raffaele sì.

Un affitto che viene pagato con difficoltà, vista l’esiguità di fondi a disposizione. E per la colazione del sabato, il locale che la chiesa dopo ripetute richieste gli ha messo a disposizione, è poco più che un rustico coperto da bandoni di plexiglas. Caldissimo di estate e freddissimo in inverno. Invivibile.

Ecco sono queste le contraddizioni che si respirano in questo pezzo di territorio romano in mano, o quasi, alla chiesa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

La droga c’è, ma non ce la fanno vedere…

next
Articolo Successivo

Cronache da dietro il bancone

next