Un sorriso rappreso come una crepa nel terreno siculo riarso dal sole. Il centro di questa faccia è nella capacità di parlare senza dire. Di vivere all’ombra di qualcuno per prendere comunque il sole. La moderata penetranza dell’occhio olivastro ne rappresenta la naturale essenza gregaria.

Mai davvero in primo piano, anche da presidente del Senato, ovvero da portavoce istituzionale del premier. Mai davvero colpevole nelle tante inchieste che lo hanno coinvolto. Unica vera scelta autonoma l’amputazione del riporto di qualche anno fa, che lo ha portato in un solo taglio dagli anni Sessanta al nuovo secolo, dalla Sicilia di Brancati a quella di  Camilleri. Si dice però che se lo pettini ancora idealmente la mattina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un fantaFatto per iniziare

next
Articolo Successivo

Napoli, l’Asl che non paga i dipendenti
ma investe 120.000 euro in formazione

next