“Care compagne e cari compagni” (di sinistra), “cari amici e compagni” (cattocomunista), “care amiche e cari amici” (catto e basta), “cari fratelli e care sorelle” (San Francesco), ”signore e signori” (Pippo Baudo). Minchia: sono sicuro che il povero Fabrizio Gifuni non immaginava che pronunciando quel  fatidico “compagne e compagni” si aprisse un dibattito, una sorta di processo kafkiano dentro il partito democratico.

I giovani che non sono stati comunisti e democristiani sono insorti, il vicesegretario Enrico Letta ha ammesso di aver trovato ‘stridente’ l’esordio dell’intervento dell’attore Fabrizio Gifuni mentre la presidente Rosy Bindi ha chiesto scusa a Gifuni  preso di mira per la parola compagni.

Tanto rumore per nulla? O si è o non si è. Ma il Pd cos’è? Con tutte le questioni aperte nel Paese si dividono anche sul come chiamarsi? Ognuno ha la sua storia. Qualcuno la rinnega qualchedun’ altro  no. La confusione regna sovrana sotto il cielo del Pd. To be or not to be that is the question.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aldo Brancher, il primo ministro reo confesso di aver pagato mazzette a un altro ministro

next
Articolo Successivo

Compagno a chi? I nativi
democratici rinnegano la sinistra

next