Ecco il comunicato di Palazzo Chigi sull’articolo di oggi che riporta la notizia dell’indagine su Gianni Letta e il controcomunicato del direttore de “Il Fatto”.

ROMA, 23 SET – “In data 11 agosto 2009 il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, su conforme richiesta della Procura della Repubblica, ha definitivamente archiviato il procedimento a carico del Sottosegretario Gianni Letta giudicando del tutto inesistenti le ipotesi di reato formulate”. E’ quanto precisa la presidenza del Consiglio in relazione alle indiscrezioni pubblicate stamane sul primo numero de “Il Fatto Quotidianò. Il quotidiano fa riferimento ad una indagine riguardante il sottosegretario relativa ai centri di accoglienza per gli immigrati extracomunitari. Secondo quanto scritto nell’articolo la Cassazione avrebbe inviato un fascicolo che lo riguarda al magistrato di Lagonegro, in Basilicata. “Dal complesso degli atti esaminati – precisa la nota di Palazzo Chigi- si legge a pagina 2 del provvedimento, non emerge alcun elemento relativo alla sussistenza degli estremi richiesti dalla giurisprudenza per la sussistenza del delitto di cui all’Art. 416 c.p.”. Per quanto riguarda poi il presunto abuso d’ufficio, a pagina 4 dello stesso provvedimento, si legge testualmente: “l’ipotesi di reato prospettata dalla P.G. appare, pertanto, destituita di ogni fondamento”. La stessa identica conclusione per le altre supposte ipotesi di reato. La “conseguente restituzione degli atti” alla procura di Potenza e la successiva trasmissione alla procura di Lagonegro da parte della Procura Generale della Cassazione nulla aggiunge al merito ed è legata a ragioni procedurali. Non è neppure vero che la notizia fosse inedita e che del fatto non si siano occupati gli atri giornali. Valga per tutti La Repubblica del 4 aprile 2009.

*****

La direzione de Il Fatto Quotidiano, in relazione alla nota diffusa da Palazzo Chigi precisa che la richiesta di trasmissione degli atti alla Procura di Lagonegro da parte del Procuratore Generale della Cassazione è stata messa a disposizione dei lettori sul sito internet del quotidiano: www.ilfattoquotidiano.it. Nel provvedimento pubblicato on line si legge che: “si registra una radicale divergenza di opinioni fra il pm di Potenza e il pm di Roma. Il pm di Potenza …ritiene concretamente ipotizzabili alcuni reati fine (323,353,640 bis)”, cioé abuso d’ufficio, turbativa e truffa. Mentre la Procura di Roma non li ritiene configurabili per varie ragioni. La Procura generale della Cassazione stabilisce che nessuna delle due procure è competente e invia il fascicolo a Potenza perché lo giri a Lagonegro. E aggiunge che “la definizione della competenza allo stato attuale non preclude e anzi sollecita lo svolgimento di opportune indagini”. Pertanto la direzione de “Il fatto” conferma che:
1) Gianni Letta è indagato per abuso d’ufficio, truffa e turbativa.
2) I magistrati di Roma non hano alcuna competenza ad occuparsi dell’indagine sui reati suddetti; 3) La Procura di Lagonegro è stata stimolata a svolgere “opportune indagini” sui presunti reati di abuso, truffa e turbativa descritti nell’articolo odierno de “Il Fatto”.
4) I presunti reati del sottosegretario Letta non sono quindi stati oggetto di archiviazione né a Roma né altrove.

*****

Documenti

Accedi agli atti (pdf 2,4MB)