FQ MAgazine

Biennale Venezia 2015: “E’ un’edizione politica, abbiamo messo in scena lo stato delle cose”

Da Vik Muniz con la sua installazione galleggiante, una gigantesca barchetta di carta, della dimensione di un vaporetto, che si intitola "Lampedusa", alla moquette rossa in cui si da lettura del "Das kapital" di Marx (e non solo): "E' una Biennale che parla di noi e del nostro rapporto con la storia – dice Paolo Baratta, presidente – E' dal '600 che il mondo occidentale si interroga su se stesso"

Fondazione Prada, a Milano 19mila metri quadri su arte e cultura. E c’è anche il Bar Luce, ideato da Wes Anderson

La struttura voluta da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli ospiterà, oltre agli spazi espositivi, un cinema, un teatro, l’archivio di Prada, gli uffici amministrativi e l’Accademia dei Bambini. E ci sarà anche un punto di ristoro ideato dal regista di Grand Budapest Hotel: "Credo che sarebbe un ottimo set, ma anche un bellissimo posto per scrivere un film. Ho cercato di dare forma a un luogo dove mi piacerebbe trascorrere i miei pomeriggi ‘non cinematografici’", ha raccontato

David LaChapelle in mostra a Roma: il suo stile post-Pop e surrealista in 150 opere uniche

E' di gran lunga uno dei fotografi più osannati al mondo. C'è chi lo ha soprannominato il Fellini della fotografia: dal 30 aprile al 13 settembre al Palazzo delle Esposizioni la sua poetica bizzarra, fantasmagorica e ipermoderna

Moda, l’altra faccia della Cambogia: produrre in modo etico si può. La storia del 24enne Aaron Jones

"Ero così arrabbiato e sconvolto da tanta disperazione - ha detto il giovane ideatore del marchio Fikay riferendosi al suo viaggio prima in India poi in Cambogia, dove l’estrema povertà la tocchi con mano - Ero colpito dal fatto che pur senza istruzione, quei bambini, quegli uomini e quelle donne erano abili artigiani e spesso creavano oggetti molto belli". Dunque perché non coniugare moda e sostenibilità sociale?

Ladled, ecco le lampade create grazie al riutilizzo di mestoli di alluminio

"Abbiamo trasformato un mestolo in un paradosso, dove è l'oggetto da cucina stesso che va a illuminare ciò che sta intorno all'ambiente dei fornelli", ha detto a FQ Magazine uno degli ideatori del progetto. Proprio nell'anno dell'Expo, dedicato a cibo e nutrizione, anche il design 'gioca' con la cucina

Fashion blogger: look costosissimi, chirurgia estetica, esibizionismo. Professioniste o solo ‘web celebrity’?

Il loro lavoro principale è indossare i capi, fotografarsi ed essere nei social con la loro immagine. Nessuna ricerca, nessuno sforzo se non quello di partecipare agli eventi in cui sono invitate e indossare le collezioni dei brand che investono su di loro. Sebbene giovanissime alcuni look da loro sponsorizzati sono fuori dalla portata delle proprie coetanee. Ma nel panorama della fashion blogger c'è anche chi fa sul serio: "E' arrivato il momento di fare una distinzione tra quello che fanno loro e quello che fanno davvero i blogger, che siano del ramo fashion, travel, beauty o food"

Moda, mentre i ‘soliti noti’ vendono (e producono) sempre più all’estero c’è chi prova a rimanere: ecco il nuovo made in Italy

Marco Magalini, giovane giornalista, è andato a caccia di storie di eccellenza per raccontare chi sono, oggi, i talenti del "fatto in Italia" e li ha raccontati in un libro: "Appartengono tutti a quella che io amo chiamare la 'slash generation' –dice a FQ Magazine –. Non si può essere solo designer, bisogna essere anche imprenditori, creativi, comunicatori e molto altro ancora"

Matisse Arabesque, alle Scuderie del Quirinale l’arte geniale dell’ ‘anti-Picasso’

“Il colore – diceva Henri Matisse – esiste in se stesso, possiede una sua speciale bellezza”: l'esposizone romana propone 90 capolavori assoluti, alcuni per la prima volta in Italia, tra dipinti, disegni, costumi teatrali, manufatti, maschere provenienti dai più prestigiosi musei americani ed europei, tra cui il Metropolitan e il MoMA di New York, con un contributo particolarmente rilevante del Museo Puškin di Mosca e dell’Ermitage di San Pietroburgo
×
Lanvin, Parigi rende omaggio alla stilista imprenditrice: “Un tributo alla capacità e alla creatività di una grande artista”
Rainworks, nelle vie di Seattle la street art che si vede solo quando piove

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×