/ / di

Francesca Borri Francesca Borri

Francesca Borri

Corrispondente di guerra

Non amo la definizione di giornalista di guerra, anche se scrivo soprattutto di Siria, in questi mesi, vivo in Medio Oriente, e in quello che scrivo, in genere, qualcosa esplode, qualcuno muore. Ma le guerre, alla fine, non sono solo quelle con i missili e i carrarmati – quelle sono solo le guerre più facili da vedere. L’unica cosa che mi guida, in realtà, è la curiosità. E l’unica cosa che le mie storie hanno in comune, è che sono storie a km zero. Storie, cioè, non raccontate con un copia&incolla da internet, con telefonate, voci, pezzi di facebook, pezzi di altri, ma toccate con mano, fango alle caviglie: storie raccontate dalle vene del mondo. Perché il mondo sembra in bianco e nero, amici e nemici, torto e ragione, solo a guardarlo a distanza. Da vicino, tutto è molto più complesso, più sfumato, i ruoli spesso si ribaltano – e i confini si sgranano: perché quando entri in una sperduta casa africana, e ti parlano in perfetto francese, non puoi non capire quanta parte di noi c’è in questo mondo che crediamo lontano. Che crediamo estraneo.
E spesso non è la nostra parte migliore.
E non sei più tu, allora, all’improvviso, quello che fa le domande. A volte, a guardare da vicino, tu sei quello chiamato a rispondere.

Francesca Borri, 1980, studi in relazioni internazionali, dopo una prima esperienza nei Balcani ha lavorato in Medio Oriente, e in particolare in Israele e Palestina, come specialista di diritti umani. Nel 2012 ha deciso di raccontare la guerra di Siria come reporter freelance. Da allora, i suoi articoli sono stati tradotti in 15 lingue.

Il suo libro più recente, La guerra dentro, attualmente disponibile in Italia e Norvegia, uscirà in Gran Bretagna la prossima primavera.

I feel uneasy with the definition of war journalist, even if I have been writing mostly about Syria, in the last months, I live in the Middle East, and in what I write usually something explodes, someone dies. But wars, in the end, are not just the ones fought with jets and tanks – those are simply the easiest to notice. The only thing I am moved by, actually, is curiosity. And the only thing that my pieces share, is that they are zero-mile stories. I mean, stories told not through a copy&paste from the web, through phone interviews, rumors, Facebook stuff, others’ stuff, but experienced at first hand, your ankles deep in mud: stories told from the veins of the world. Since the world looks black and white, friends and enemies, right and wrong, only if you watch it from the distance. Close up, everything becomes more complex, more blurred, the roles often reverse – and the borders crumble: because when you enter a remote African house, and you are talked to in perfect French, you can’t miss how much of us resides in this world that we believe to be far away. That we believe to be foreign.
And often isn’t the best of us.
And isn’t you anymore, then, suddenly, the one that asks questions. Sometimes, looking from close up, you are the one called to answer.

Francesca Borri, 1980, a background in International Relations, after a first experience in the Balkans worked in the Middle East, and especially in Israel and Palestine, as human rights officer. In 2012 she decided to cover the war in Syria as a freelance reporter. Since then, her articles have been translated into 15 languages.

Her last book, La guerra dentro, currently available in Italy and Norway, will be out in English next spring.

Blog di Francesca Borri

Mondo - 5 settembre 2017

Iraq, la guerra di notte è guerra vera

[English version] Dicono che questa e altre foto non siano finite in prima pagina perché sono normali – perché queste cose in guerra sono cose che accadono, no? Ma forse invece avrebbero dovuto finire in prima pagina esattamente per questo. Perché certe cose, qui, sono normali. Ali Arkady, 35 anni, è nato a Khanakin, nel Nord […]
Archivio - 24 agosto 2017

Iraq, here in Dohuk where war is a job. And you can choose the one you prefer

 [Italian version] For journalists, northern Iraq is one of the easiest areas to work in. Somehow, it isn’t even Iraq: it has a Kurdish population, and it’s been an autonomous region since thirty years, roughly, since the Gulf War. It has its own government, its own parliament. Its own flag. And the Peshmerga, the Kurdish […]
Mondo - 24 agosto 2017

Iraq, a Dohuk dove la guerra è un mestiere. E devi scegliere solo quale preferisci

 [English version] Il nord dell’Iraq è una delle zone logisticamente più semplici per i giornalisti. In un certo senso, non è neppure Iraq: è autonomo da trent’anni, ormai, dalla prima guerra del Golfo, più o meno, perché è abitato dai curdi. Ha un suo governo, un suo parlamento. Una sua bandiera. E i curdi sono […]
Archivio - 17 agosto 2017

Syria is off limits. War is over, you can go away

[Italian version] There’s no point. There’s no way to cross. It makes no sense to keep on. There’s no way. I have been trying to get back to Syria for months. I have tried it all. All the smugglers, all the commanders I know. All the activists. No way. A few times it’s been a […]
Mondo - 17 agosto 2017

La Siria è off limits. La guerra è finita, andate via

[English version] Inutile. Non si passa. Non ha senso insistere. Non si passa. Sono mesi che provo a rientrare in Siria. Ho tentato tutte le strade. Tutte. Tutti i contrabbandieri, tutti i comandanti che conosco. Tutti gli attivisti. Niente. Un paio di volte è stata anche questione di sfortuna. Veramente molta sfortuna. Ma in fondo, […]
Archivio - 10 agosto 2017

Tbilisi is beautiful

[Italian version] And who would have ever imagined that Tbilisi is so beautiful? But really beautiful. Of Georgia, we know only our “Georgian caregivers”. And I am myself here by chance, actually: just because I was on the other side of the border, in Turkey, and I needed to stop somewhere for writing for a […]
Mondo - 10 agosto 2017

Tbilisi è meravigliosa

[English version] E chi avrebbe mai immaginato che Tbilisi fosse così bella? Ma bella davvero. Della Georgia, conosciamo solo “le badanti georgiane”. E anch’io, d’altra parte, sono venuta qui abbastanza per caso: solo perché ero di là dal confine, in Turchia, e avevo bisogno di fermarmi un paio di giorni a scrivere prima di spostarmi […]
Politica - 6 agosto 2017

Codigoro vista da Kilis (Turchia): 100mila abitanti, 110mila profughi

Il sindaco Pd di Codigoro, in provincia di Ferrara, 12mila abitanti, ha deciso di aumentare le tasse ai cittadini che ospitano profughi. “Sono troppi”, ha detto. Sono 75. E altri 40 sono in arrivo. In tutto, fa 115. Sono a Kilis, in questo momento, una città al confine tra Turchia e Siria. Ha 100mila abitanti: […]
Archivio - 5 agosto 2017

Ankara, the Brussels of Turkey. Where Islam is a kind of superstition

[Italian version] Usually foreign journalists are based in Istanbul. “But why did you decide for Ankara?,” I asked to Davide Lerner, Ha’aretz correspondent from Turkey, as I looked around, a bit perplexed. Office buildings. Office buildings. Banks. Other office buildings. “It’s so grey,” I said. I was wrong. Ankara has roughly 5 million people. It […]
Mondo - 5 agosto 2017

Ankara, la Bruxelles di Turchia. Dove l’Islam è superstizione

[English version] I giornalisti in genere vivono a Istanbul. “Ma perché ti sei scelto Ankara?”, ho detto guardandomi intorno a Davide Lerner, che scrive di Turchia per la Stampa, e invece abita qui. Uffici. Uffici. Banche. Altri uffici. “Ankara è così anonima”, gli ho detto. Mi sbagliavo. Ankara, che ha poco più di 5 milioni […]
Corea del Nord, “Kim sposta missile verso la costa ovest”. Seul comincia le manovre in mare. Putin: “Isteria senza senso”
Usa, uragano Irma innalzato a massima pericolosità. Proclamato stato di emergenza in Florida e a Porto Rico

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×