Temi del Giorno

/ / di

Domenico De Felice Domenico De Felice

Domenico De Felice

Medico, opinionista di sanità sociale

Sono nato a Milano il 14 luglio 1954, oculista in strutture pubbliche, private accreditate e private dal 1981 sempre a Milano.Nel 2003 ho deciso di fare uno studio statistico, insieme al Politecnico di Milano, sulle possibili complicanze di un intervento oculistico. Pubblico un primo articolo su Viscochirurgia della Fabiano Editore nel settembre 2003;  poi un secondo nel settembre 2008 sulla stessa rivista, cercando di spiegare che avevo trovato un metodo nuovo di controllo sanitario, non sulle cartelle cliniche, come fanno ora i Nuclei Operativi di Controllo, ma sui pazienti. Controllo inteso non come metodo coercitivo ma come certezza di onestà. I pazienti ne hanno il diritto, i medici il dovere. Nessuno sembra accorgersene. Le Istituzioni rimangono assenti. Da lì inizia la mia “battaglia” per contribuire allo sviluppo di una sanità “sana”. Pubblico due libri (Ci sarà un futuro? Una sanità migliore in un mondo miglioreCom’è andata a finire?), mi intervista anche Report nella trasmissione del 2 maggio 2010 “La prestazione”, a Current Tv nel luglio dello stesso anno ed in altre televisioni locali lombarde. Questa nuova avventura ha come obbiettivo una visione della “sanità orizzontale” in cui i pazienti, gli operatori sanitari e le Istituzioni preposte si pongano sullo stesso piano, ognuno nel proprio ruolo, in modo da abbattere la concezione di “sanità verticale” in cui sopra sta chi può, Istituzioni, primari, medici, infermieri ecc. e sotto chi deve, i pazienti. Questi concetti si equiparano a quelli di “società orizzontale” e “società verticale” che sono il perno dell’associazione  Sulle regole di Gherardo Colombo della quale mi onoro di far parte nel gruppo sanità. “Solo chi è così folle da pensare di cambiare il mondo lo cambia davvero” (M. Gandhi)

www.sanitasana.com

Post di Domenico De Felice

Società - 24 febbraio 2015

Ticket sul Pronto soccorso: una soluzione o solo un nuovo balzello?

beatrice lorenzin-675 Abbiamo assistito in questi giorni ad un nuovo caso di malasanità ancora più grave, trattandosi di una piccola nascitura. Mi riferisco ovviamente alla neonata morta a Catania per mancanza di posto letto in rianimazione, con le allucinanti telefonate che abbiamo ascoltato fra gli operatori di Pronto Soccorso del 118. Naturalmente la ministra ha aperto una commissione d’inchiesta, […]
Società - 22 febbraio 2015

Stamina: siamo al redde rationem

vannoni 675 Si è conclusa l’indagine della commissione sanità del Senato su Stamina mentre il vicepresidente di Stamina, il “medico” Mario Andolina che ha eseguito le ultime infusioni a piccoli pazienti ordinate dalla magistratura, ha nuovamente chiesto a Guariniello di poter patteggiare come ha fatto già Vannoni. La parola fine sta per essere messa a questa vergognosa vicenda […]
Società - 19 febbraio 2015

Curare in modo alternativo: il Tango argentino come terapia

Spiegai tempo fa come la musicoterapia possa essere una terapia alternativa o coadiuvante nelle forme di stress, disturbi cognitivi, ansia, depressione, dolore, cefalea. Sabato scorso presso il mio circolo di golf  abbiamo festeggiato il giorno di S. Valentino in una serata in cui il ballo più sensuale, il Tango, è stato il miglior connubio. Così ho imparato […]
Società - 3 febbraio 2015

Dati sanitari in Regione Lombardia: la risposta dell’assessore alla Sanità

Come avrete letto tempo fa nel mio spazio comunicai al garante della privacy, Antonello Soro, la decisione della Regione Lombardia di divulgare i dati sanitari di 10 milioni di cittadini ad enti esterni a Lombardia Informatica non solo pubblici. Soro incontrò la Giunta chiedendo di rettificare la delibera per garantire la non dispersione di dati sensibili […]
Società - 28 gennaio 2015

Stamina: l’ultima trasformazione di Vannoni

Come molti sanno le cellule staminali sono cellule primitive, non specializzate, dotate della capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule. Vannoni in questi lunghissimi anni ha imparato bene questa lezione. Si è trasformato diverse volte. Si è spostato in diversi centri dove ha applicato il suo metodo inutile. La Regione Lombardia, ed in […]
Società - 21 gennaio 2015

Riforma sanitaria lombarda: tante parole, poche idee

farmaci 675 Ho avuto modo di leggere la seconda proposta di legge della riforma sanitaria della Regione Lombardia dopo che la prima era stata bloccata per vizi di forma. Da cittadino lombardo ma soprattutto da medico sono rimasto basito. Cerchiamo di commentarla con ordine nelle parti salienti. All’art. 6 comincia il lungo elenco di nuovi “prodotti” amministrativi […]
Società - 14 gennaio 2015

Dati sanitari in Regione Lombardia: com’è andata a finire?

Regione Lombardia 675 2 Due mesi fa parlai di una delibera della Regione Lombardia firmata dal presidente Maroni e da tutta la giunta che autorizzava enti esterni, non solo pubblici, a visionare la banca dati sanitari di dieci milioni di cittadini italiani residenti in Lombardia. In seguito venni contattato e ricevuto dal direttore operativo e dal direttore sanità di […]
Società - 20 dicembre 2014

Sanità, esiste anche quella buona: ecco un racconto di Natale

Un altro anno si sta chiudendo. Nell’ambito sanitario, in quest’ultimo periodo, abbiamo assistito allo scandalo dei test sbagliati per l’ammissione alle scuole di specializzazione per medici che verranno poi sottopagati e sfruttati visto che, al termine del corso di studi, non vengono assunti ma sostituiti con altri specializzandi: a loro il compito di manovalanza a […]
Società - 14 dicembre 2014

Mi sento un ‘infiltrato’ nella sanità malata

Rai 3 ha trasmesso sabato 13 dicembre la ricostruzione della “Clinica degli orrori” che racconta della sanità malata alla Clinica Santa Rita di Milano. Intercettazioni originali, documentazioni, interrogazioni, lunghi minuti che raccontano di patologie, di ricoveri, di pazienti-clienti. Molte parolacce intercettate che evidenziano una pessima considerazione degli esseri umani scritti, inventati, dimessi e riammessi in reparti […]
Società - 28 novembre 2014

Vaccini antinfluenzali: ci vaccinano o ci uccidono?

Molto tempo fa dalle pagine di questo mio spazio cercai di spiegare alcune incongruenze delle vaccinazioni antinfluenzali diffuse enormemente dall’intento reale di cercare di ridurre il contagio riducendo così le assenze invernali dai luoghi di lavoro. Ma servono realmente i vaccini antinfluenzali? Da medico di vecchia data continuo a pensare di no. Io, avendo sessant’anni […]

•Ultima ora•

×