Ci sono anche due italiani fra i dispersi dell’incendio scoppiato nella notte all’interno della Grenfell Tower, grattacielo residenziale di 24 piani a North Kensington, nella zona ovest di Londra. Nell’incendio sono morte almeno diciassette persone, rimaste intrappolate tra le fiamme o saltate dalle finestre, oltre 70 persone invece sono ricoverate in 5 ospedali perché ferite o intossicate. In 20 sono in gravi condizioni. Ignote invece, al momento, le cause delle fiamme. Dentro quel che resta dell’edificio ci sono ancora persone, fanno sapere i vigili del fuoco, senza specificare se siano ancora vive. “Molte persone mancano all’appello”, ha detto il sindaco Sadiq Khan, ma le autorità non sono ancora in grado di fornire il numero esatto. Diverse fonti della polizia lasciano trapelare che il rogo potrebbe trasformarsi in “una strage”. 

La coppia di italiani dispersa – Gli italiani dispersi sono Gloria Trevisan e Marco Gottardi, una coppia di fidanzati veneti entrambi ingegneri. Lei originaria di Camposampiero, nel Padovano, lui a San Stino di Livenza, in provincia di Venezia, erano andati in Inghilterra tre mesi fa per lavorare. “Alle 3.45 mi ha chiamato la madre di Gloria per dirmi che la figlia l’aveva contattata spiegandole che c’era questo incendio nel grattacielo dove i ragazzi vivevano. Anche io da quel momento li ho sentiti più volte fino alle 4.07, quando è avvenuto l’ultimo contatto“, racconta Giannino Gottardi, il padre di Marco, contattato da La Presse. Smentita al momento, invece, la versione fornita da Beatrice Antonini, dell’agenzia immobiliare Real Estate Genius, ai microfoni di Radio 24, ai quali ha detto che non si hanno più notizie di due famiglie italiane con bambini. L’agenzia nella torre ha cinque appartamenti affittati e fra i clienti ci sono anche degli italiani.

Sei minuti per avvolgere il palazzo – “Si sentiva gente gridare: aiutatemi, aiutatemi. E gente che lanciava i propri bambini urlando: salvate i miei figli”, ha raccontato una testimone alla Bbc. I vigili del fuoco, che sono arrivati per ora al 21esimo piano su 24, hanno fatto sapere che in soli sei minuti il fuoco ha avvolto l’intero palazzo, abitato in prevalenza da famiglie del ceto popolare molte delle quali di origine straniera. Ci sono volute oltre nove ore dal primo allarme per spegnere quasi completamente il rogo. E qualcuno ha accusato gli stessi vigili del fuoco: “Dall’una, quando è scoppiato l’incendio, alle quattro di mattina, i pompieri non sono intervenuti. Guardavano il grattacielo bruciare”, hanno raccontano alcuni testimoni.

Sconosciute le cause. In passato segnalati problemi all’antincendio – “Questo è un incidente senza precedenti. Nei miei 29 anni come pompiere non ho mai visto nulla di questa portata”, commenta invece, il responsabile dei vigili del fuoco di Londra, Dany Cotton. Anche il sindaco Sadiq Khan lo ha definito “un incidente grave“, aggiungendo: “Ci sono domande a cui bisogna dare risposta per quanto accaduto”. Il sindaco è andato alla Grenfell Tower e ha parlato davanti all’edificio: “Sfortunatamente il numero dei morti salirà” ha detto, mentre le operazioni di emergenza proseguono. Entrambi hanno sottolineato che sarà “condotta un’esaustiva indagine” per determinare la causa dell’incendio, dopo che è emerso che in passato c’erano state segnalazioni di falle nella sicurezza antincendio. Oltre alle critiche sull’intervento dei vigili, infatti, stanno montando le polemiche perché un comitato di cittadini lo scorso anno aveva denunciato carenze nella sicurezza dell’edificio. E c’è il dubbio che i rivestimenti in plastica rimasti dopo la fine dei lavori di ristrutturazione abbiano avuto un ruolo nel far propagare le fiamme.

Almeno 450 residenti – Le autorità stimano in 450-500 i residenti nella torre, ma non si sa quanti fossero all’interno quando sono divampate le fiamme. Scotland Yard fa sapere che “potrebbero esserci ancora persone imprigionate nell’incendio alla Grenfell Tower”, ipotesi confermata dai vigili del fuoco. Molti residenti sono stati  fatti evacuare e alcuni degli scampati hanno raccontato scene di “panico”. “Siamo preoccupati per una famiglia di nostri amici che abitava al 21° piano. Ci sono anche tre bambini piccoli, non ci fanno sapere nulla”, dice una donna fuori dal centro di raccolta cibo e generi di prima necessità per le persone evacuate.

Grattacielo degli anni 70 rinnovato nel 2016 L’edificio, che ha uno dei suoi affacci in Latimer Road, di fronte all’omonima stazione della metropolitana, fu costruito nei primi anni ’70 e completato nel 1974. Gestito dalla Kensington and Chelsea Tenant Management Organisation (Kctmo), ospita anche la palestra di pugilato Dale Youth Boxing Club di James DeGale, vincitore di una medaglia d’oro alle Olimpiadi del 2008. Ma di recente erano stati fatti lavori di risistemazione, conclusi l’anno scorso, per un valore di 10 milioni di sterline. Sono stati installati un rivestimento esterno e un nuovo sistema di riscaldamento e realizzati nove nuovi appartamenti.

L’allarme del Grenfell Action group sulla scarsa sicurezza Un allarme sulle carenze di sicurezza era stato lanciato però anche l’anno scorso da un comitato di cittadini, il Grenfell Action Group, che già nel 2013 aveva pubblicato un rapporto in cui denunciava rischi di incendio. Secondo l’agenzia Pa, a novembre il comitato aveva paventato che “solo un evento catastrofico” potesse smuovere le acque e lamenta ora di aver trovato “orecchie sorde”. Nel mirino la disponibilità di un solo ingresso, a causa dell’avvio di lavori di riqualificazione dello stabile, e la presenza di rivestimenti in plastica considerati pericolosi e infiammabili. C’era anche il timore che quattro autocisterne dei pompieri (il numero standard di mezzi dispiegati per un palazzo di queste dimensioni) non sarebbero riuscite a entrare nella zona di emergenza. Inoltre, il rapporto rilevava che il controllo degli estintori era in ritardo di oltre 12 mesi rispetto ai termini di legge, mentre alcuni non erano controllati dal 2009. Le preoccupazioni furono rese note alle autorità locali del Royal Borough of Kensington and Chelsea.

Le reazioni politiche La premier britannica Theresa May si è detta “profondamente rattristata per la perdita di vite”. Il primo ministro ha convocato nel pomeriggio una riunione d’urgenza delle autorità coinvolte per fare il punto e assicurare la migliore risposta alla nuova emergenza nella capitale britannica. Stando alla Bbc, l’annuncio di un accordo di governo tra i Conservatori e gli unionisti nordirlandesi del Dup è stato rinviato a causa della tragedia che ha colpito la città di Londra e si dovrà attendere forse fino alla prossima settimana per conoscere l’esito delle trattative. L’intesa fra le parti comunque sarebbe quasi raggiunta: una fonte del Dup ha detto alla Bbc che la premier conservatrice Theresa May e la leader unionista Arlene Foster stanno concludendo i “termini e le condizioni” dell’accordo. Un ritardo nell’annuncio potrebbe far slittare ulteriormente anche il Queen’s Speech, il discorso della regina coi punti programmatici del nuovo governo, e di conseguenza anche l’inizio dei negoziati sulla Brexit. L’opposizione chiede spiegazioni al governo: il leader laburista, Jeremy Corbyn, chiede che il governo di Theresa May riferisca domani in Parlamento sulla tragedia alla Grenfell Tower. E’ quanto si legge sul sito della Bbc, che sottolinea come per domani non sia prevista alcuna seduta della Camera dei Comuni. Il capo dell’opposizione vuole anche che all’assemblea partecipino i rappresentanti dei servizi di soccorso e delle autorità locali. Corbyn tuttavia non vuole sollevare alcuna polemica fino ad allora: “Oggi è’ il giorno del lutto e della solidarietà”, dice Corbyn alla Bbc definendo quanto avvenuto a North Kensington “il peggiore degli incubi”. Il leader labourista, “assolutamente sgomento”, ha espresso vicinanza alle vittime e “gratitudine ai vigili del fuoco, soccorritori, polizia”. Pressato dalle domande, Corbyn tuttavia ha ammesso che c’è “una lezione da imparare” e non manca di fare un riferimento alla necessità di ripensare la politica “dei tagli” sulla spesa pubblica e sociale, con le sue conseguenze sulla sicurezza. Intanto, il governo britannico ha ordinato delle ispezioni per valutare la sicurezza antincendio negli edifici simili alla Grenfell Tower dopo la tragedia che ha causato almeno 12 vittime.