Concorso pubblico sospeso perché erano esclusi gli stranieri. Nell’Italia dei ricorsi avviene anche quello che solo una settimana fa sembrava essere un indirizzo della giurisprudenza. E così finisce davanti ai giudici il concorso per cancelliere bandito dal ministero della Giustizia: il tribunale di Firenze – come anticipa il Corriere della Sera – lo ha sospeso ordinando di ammettere alle prove i candidati comunitari e gli stranieri in regola col permesso di soggiorno che erano stati esclusi. Ma il ministero ha impugnato la sentenza e martedì 6 ci sarà l’udienza.

La vicenda, che riguarda le prove per 800 posti da assistente giudiziario, richiama, specularmente, quella dei direttori dei musei: in quel caso i nominati sono stati “bocciati” dal Tar perché stranieri; il concorso per cancelliere, invece, è stato bloccato per lo stop imposto agli stranieri. Più volte il guardasigilli Andrea Orlando aveva ricordato che da 20 anni non ne venivano banditi e che il concorso era una risposta alla cronica mancanza di personale amministrativo negli uffici giudiziari.  Come lo stesso ministero indicava in una nota diffusa l’8 maggio scorso, giorno di inizio delle prove proseguite fino al 24 maggio, le domande presentate dai candidati sono state 308.385: in 45 minuti, sono stati sottoposti a prova per test a risposta multipla fatta di 50 quesiti di diritto pubblico e diritto amministrativo. La platea dei partecipanti, spiegava inoltre il comunicato, era composta per il 61% da donne e il 39% da uomini; per il 47% da diplomati e il 53% da laureati; per il 68% da candidati del sud, il 21% del centro e l’11% del nord. Campania (65.227 candidati), Sicilia (62.479) e Lazio (39.006) le regioni più rappresentate. Nessuno straniero, però, perché il bando, all’articolo 3 sui requisiti di ammissione, prevedeva il possesso della cittadinanza italiana. Ed è stato proprio questo a provocare la battuta d’arresto.

Una signora albanese, Mehillaj Orkida, assistita dalla onlus L’Altro Diritto si è opposta. L’associazione, tramite il suo presidente, il professor Emilio Santoro, docente al Dipartimento scienze giuridiche dell’Università di Firenze, ha prima presentato, il 21 dicembre 2016, una diffida al ministero in cui si specificava che la richiesta della cittadinanza italiana costituisse una discriminazione vietata dalla normativa italiana e dai Trattati Ue. Risposte non ne sono arrivate ed è così partito il ricorso. Il 27 maggio, il tribunale di Firenze, sezione Lavoro, con un’ordinanza firmata dal giudice Stefania Carlucci in cui si richiama giurisprudenza della Cassazione e della Corte di Giustizia Ue, ha sospeso il concorso ordinando di ammettere con riserva non solo la signora Orkida, ma anche i candidati comunitari e quelli sprovvisti della cittadinanza italiana rientranti in una delle categorie previste dall’art. 38 del decreto legislativo 165/2001, che contiene le norme generali sull’ordinamento del lavoro nelle amministrazioni pubbliche e disciplina l’accesso degli stranieri. Il giudice ha anche disposto “di sospendere la procedura concorsuale sino alla conclusione del giudizio di merito” così da permettere agli stranieri “di essere rimessi in termini per la presentazione della domanda e partecipare con riserva al concorso, alle prove preselettive e, se superate, alle prove selettive”. Ora la parola passa all’appello.