In un Paese dominato dal calcio in cui per molti gli unici azzurri sono i calciatori della nazionale di Ventura, salvo poi il risveglio degli spettatori in occasione di Olimpiadi e affini, anche gli sport elettronici pretendono la loro dose di attenzione. Due i titoli che al momento fanno sperare in grandi risultati per le nostre rappresentative: Hearthstone e Overwatch.

Che siano entrambi targati Blizzard non è un caso. Da alcuni anni l’azienda di Irvine tenta di coinvolgere nelle proprie attività i vari gruppi locali di giocatori e influencer per creare una tifoseria legata all’appartenenza regionale piuttosto che al singolo individuo. Un obiettivo ambizioso che è stato raggiunto grazie alla possibilità di votare i propri rappresentanti, con le dovute differenze. Se su Hearthstone si è potuto potuto scegliere direttamente i quattro giocatori della nazionale da una preselezione di dieci nomi, su Overwatch il voto è stato richiesto per determinare i tre nomi che comporranno lo staff tecnico: personalità già conosciute della scena competitiva che avranno il compito di formare una squadra all’altezza della World Cup.

Per il team di Hearthstone, formato da Marco “Turna” Castiglioni, Simone “Iniven” Evangelisti, Giacomo “Snowman” De Nicola e Andrea “Yawgmoth” Gereon, l’inizio dei Global Games non sarebbe potuto essere migliore di così. La prima competizione ufficiale per nazioni targata Blizzard sta regalando non poche emozioni ad appassionati e semplici curiosi: l’Italia è attualmente al primo posto solitario del girone E, unica squadra ancora imbattuta con tre vittorie su altrettante partite.

Norvegia, Giappone e Finlandia si sono dovute arrendere una dopo l’altra ad una formazione italiana avvantaggiata dall’essere composta da giocatori appartenenti allo stesso “club”, gli Atrax, in modo simile al blocco difensivo della Juventus nella nazionale di calcio. Mancano ancora le due partite contro Cile e Israele da disputare ma la Top 3, indispensabile per superare la prima fase a 48 squadre, sembra ormai essere in mano ai fantastici quattro: una vittoria nelle prossime due partite consegnerà all’Italia un posto tra le migliori 24 nazioni al mondo.

Se al momento su Hearthstone le partite sono disputate online, per Overwatch il discorso è totalmente differente: Alberto “Herc” Pahle, Thomas “HAL” Avallone e Edoardo “Carnifex” Badolato, i componenti del comitato nazionale eletto dai videogiocatori, sono chiamati a formare una squadra che possa competere ad altissimi livelli e che volerà a Sidney, in Australia, per giocarsi l’accesso alla fase finale di Anaheim,negli Stati Uniti. L’Italia è stata inserita tra le prime 32 nazionali al mondo, più precisamente al ventesimo posto con 4068 punti, grazie al livello medio raggiunto da tutti i suoi giocatori. A guidare la classifica, manco a dirlo, Cina e Corea del Sud rispettivamente con 4550 e 4522 punti, una “leggera” differenze di 500 punti rispetto al nostro paese ma ugualmente sufficiente a garantirgli un posto tra i migliori.

Nel 2016, nella prima edizione della Overwatch World Cup l’Italia stupì sfiorando la qualificazione alla finale venendo però fermata dalla fortissima Russia, poi finalista della competizione. A Sidney, invece, gli azzurri sono stati inseriti nel girone C con Svezia, Australia e Portogallo. Gli scandinavi, grazie ad una lunga tradizione negli esport, sono tra gli avversari più temibili del torneo, ma il secondo posto del girone, che garantirebbe l’accesso alla fase successiva, sembra però alla portata del team italiano: Australia e Portogallo non dovrebbero impensierire a meno di sorprese. Per raggiungere la fase finale del Blizzcon sarà però necessario rientrare tra le due migliori squadre della tappa australiana: in caso di secondo posto nel gruppo, la nazionale italiana dovrà giocarsi la qualificazione contro la prima classificata dell’altro girone giocato a Sidney, il D,  composto da Finlandia, Giappone, Spagna e Vietnam.

Due nazionali, lo stesso sogno: conquistare le vette dell’esport internazionale indossando la maglia dell’Italia: un onore e un onere al tempo stesso, con dietro il sostegno di migliaia di appassionati e tifosi. Forza azzurri, come nel calcio anche negli sport elettronici.